Grano
Agricoltura

Agricoltori e contadini, venerdì sciopero a San Ferdinando

L'appello di SINLAI, Forza Nuova e del comitato Contadini in Marcia

«Stanchi del silenzio di istituzioni e di sindacati di sistema, stanchi della situazione di abbandono, stanchi di vedere la loro dignità calpestata e le loro proposte ignorate dai datori di lavoro e dal Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, i contadini del Basso Tavoliere hanno deciso di marciare, sotto i tricolori, per la loro dignità. Venerdì 1 Settembre dalle ore 5 del mattino sino alle 12:00 a San Ferdinando di Puglia, i braccianti agricoli ed i contadini italiani incroceranno le braccia nello Sciopero guidato da SINLAI (Sindacato Nazionale Lavoratori Italiani), dal comitato Contadini in Marcia e dal movimento politico Forza Nuova.

Mentre gli altri sindacati di sistemi parlano solo, SINLAI e Forza Nuova si muovono e lottano per davvero. Basta guardare al comportamento accondiscendente e servile di UIL e CISL, i quali si fanno chiamare sindacati a tutela dei lavoratori ma che a tutt'oggi non capiamo su quali presupposti, che hanno subito firmato un nuovo contratto provinciale che decurta i diritti dei lavoratori e crea una situazione di incertezza, inutilità e dannosità: in pratica quello da loro sottoscritto non è un contratto a vantaggio dei lavoratori ma solo la condanna a morte degli operai agricoli. A ciò si aggiunge il teatrino comico della CGIL locale che non firma quel contratto ma dall'altra parte non fa nulla, se non inutili e perenni riunioni sindacali ad Andria che finiscono sempre a tarallucci e vino fra Giuseppe Deleonardis e Gaetano Riglietti, rispettivamente Segretario della CGIL BAT e responsabile FLAI CGIL BAT, che nell'ultima riunione altro non hanno saputo fare e dire se non che "probabilmente" faranno altre inutili riunioni sindacali.

Intanto loro chiacchierano e si accordano sottobanco SINLAI e quei "fascisti" di Forza Nuova, a detta di Deleonardis della CGIL, dopo un mese di attività estenuanti in questa sacrosanta lotta scenderanno in strada, accompagnando i contadini ed i braccianti italiani del Basso Tavoliere in uno sciopero fortemente voluto, uno sciopero indispensabile per il futuro delle loro famiglie. "Abbiamo deciso di proclamare lo sciopero dei lavoratori del comparto ortofrutticolo - dichiara Valerio Arenare, Responsabile Nazionale di SINLAI - per chiedere che le loro richieste vengano ascoltate, da più di un mese i lavoratori, con il nostro supporto, stanno protestando per chiedere che venga presa in considerazione la loro situazione senza che i sindacati maggiormente rappresentativi, le istituzioni e le aziende si interessassero minimamente al problema. I lavoratori chiedono maggior rispetto per i loro diritti e per il loro lavoro e noi siamo pronti a supportarli in questa battaglia fino alla fine. Chiediamo al Prefetto di convocare un tavolo di concertazione con le Organizzazioni Sindacali, le Associazioni di Categoria, i rappresentanti dei lavoratori e le aziende per discutere le proposte dei lavoratori di San Ferdinando di Puglia. Le richieste dei lavoratori sono legittime e riteniamo che siano facilmente accoglibili ovvero l'innalzamento del 10% della retribuzione, maggiore attenzione alle norme in materia di sicurezza sul luogo del lavoro e un maggiore impegno nella lotta al caporalato. Il SI.N.LA.I. sciopererà il 1 settembre ed è pronto ad incrociare ancora le braccia fin quando non verranno rispettati i diritti dei lavoratori. Gli operai agricoli sono una categoria importante per San Ferdinando di Puglia e per l'intero paese e troppo spesso sono stati dimenticati e svenduti da chi, invece dovrebbe difenderli. La protesta dei lavoratori della provincia di B.A.T. deve essere un esempio per tutti i lavoratori del comparto affinché trovino il coraggio di ribellarsi ed unirsi per chiedere che i loro diritti vengano rispettati e che la marcia per la difesa dei lavoratori Italiani è appena cominciata!".

Che in molti si segnino sul calendario il 1 Settembre, perché tra torce e tricolori i contadini ed i braccianti italiani, insieme a SINLAI ed i militanti di Forza Nuova, marceranno par la loro dignità, marceranno per il loro futuro, marceranno verso la Rivoluzione».
  • agricoltura
  • Forza Nuova
Altri contenuti a tema
Aumentano del 6,6% le imprese agricole under 35 in Puglia Aumentano del 6,6% le imprese agricole under 35 in Puglia Picchi massimi a Bari e Foggia
In Puglia la maggior parte dei buoni cibi arriva dai piccoli comuni In Puglia la maggior parte dei buoni cibi arriva dai piccoli comuni Più volte riconosciuto il contributo di Zapponeta
Caporalato, Coldiretti: «Un quarto dell'agricoltura dipende dal lavoro degli stranieri» Caporalato, Coldiretti: «Un quarto dell'agricoltura dipende dal lavoro degli stranieri» L'associazione di categoria chiede di estendere la legge anche all'import
Vertenza braccianti a San Ferdinando di Puglia vicina a una svolta Vertenza braccianti a San Ferdinando di Puglia vicina a una svolta Apertura da parte di altre aziende alle proposte della Flai Cgil Bat
Vertenza agricola, domani si torna a scioperare a San Ferdinando Vertenza agricola, domani si torna a scioperare a San Ferdinando La decisione è stata presa dopo una movimentata assemblea con i lavoratori
Contratto in agricoltura, CIA Puglia: «Per la BAT regole certe e condivise» Contratto in agricoltura, CIA Puglia: «Per la BAT regole certe e condivise» La Cgil Bat disconosce il contratto collettivo sottoscritto dalla Cgil Foggia
Diritti e un giusto salario, ecco cosa vogliono i braccianti di San Ferdinando Diritti e un giusto salario, ecco cosa vogliono i braccianti di San Ferdinando Oggi la mobilitazione: dalle 5.30 tutti in piazza
Giovani in agricoltura, il bando illustrato in Fiera del Levante Giovani in agricoltura, il bando illustrato in Fiera del Levante Di Gioia: «Ritorno alla terra come grande opportunità sia economica sia sociale»
© 2001-2018 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.