Corto Eccidio di Barletta
Corto Eccidio di Barletta
Scuola e Lavoro

L'eccidio di Barletta del 1943 diventa un cortometraggio

Riprese in corso con il regista Daniele Cascella e i ragazzi dell'istituto "Dell'Aquila" di San Ferdinando

12 settembre 1943. Una data che resterà indelebile nella storia di Barletta. I segni di quella terribile e brutale esecuzione sono oggi ancora visibili sul palazzo del vecchio ufficio postale di Piazza Caduti, dove si consumò la sanguinaria vendetta dei nazisti a pochi giorni dall'armistizio tra l'Italia e gli alleati.

Quel pezzo di storia torna ad essere narrata grazie a un cortometraggio scolastico, le cui riprese sono in corso in questi giorni: con il regista barlettano Daniele Cascella e il direttore della fotografia Pietro Damico a dare vita ai personaggi di quell'episodio sono i ragazzi della classe 2^ A AFM dell'istituto superiore "Michele Dell'Aquila" di San Ferdinando di Puglia, grazie all'impegno del dirigente scolastico Ruggiero Isernia e della tutor di progetto, la professoressa Stefania Bafunno.

Oltre allo strazio, al lato più atroce di quella giornata, il racconto del cortometraggio è in realtà incentrato sull'umanità, sul sacrificio: si racconta infatti il gesto di compassione compiuto da due donne, Addolorata Sardella e Lucia Corposanto, che salvarono il vigile Francesco Paolo Falconetti, ancora vivo sotto l'ammasso dei corpi straziati dalle raffiche dei fucili nazisti.

«Nel cortometraggio raccontiamo quel che avvenne in quel giorno: 12 settembre 1943. La sparatoria al Rifugio militare, l'eccidio dei 10 vigili e dei 2 netturbini e di tutti i civili uccisi dai tedeschi» racconta il regista Daniele Cascella, che mostra alcune immagini dal set. Le riprese sono state realizzate a San Ferdinando di Puglia, ed è impressionante il colpo d'occhio: guardando gli scatti sembra di ritrovarsi proprio a Barletta, in quei giorni tragici, che sembrano così lontani dalla vita di oggi.

Al termine dei lavori il cortometraggio sarà proiettato presso l'istituto "Dell'Aquila" e successivamente verranno programmate altre proiezioni sia a San Ferdinando che a Barletta.
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Diritto allo studio, oggi gli amministratori locali si incontrano a Bari Diritto allo studio, oggi gli amministratori locali si incontrano a Bari L'incontro con l'assessore regionale Leo coinvolgerà gli amministratori delle province di Foggia, Bari e BAT
La psicologa del Comune a Scuola La psicologa del Comune a Scuola Approvato dalla giunta il progetto a servizio dei due istituti comprensivi locali
Diritti a scuola, pronto l'avviso pubblico. Impegno da 30milioni di euro Diritti a scuola, pronto l'avviso pubblico. Impegno da 30milioni di euro Avranno priorità le scuole con maggiori livelli di dispersione scolastica e gli studenti in difficoltà
Alternanza scuola - lavoro, intesa tra istituto Dell'Aquila e comune di Trinitapoli Alternanza scuola - lavoro, intesa tra istituto Dell'Aquila e comune di Trinitapoli Firmato il protocollo d'intesa
Le cartoline degli studenti della Giovanni XXIII in mostra a Bari Le cartoline degli studenti della Giovanni XXIII in mostra a Bari L'istituto comprensivo ha partecipato all'iniziativa di Acquedotto Pugliese
Riparte il progetto “Nontiscordardimé – La Scuola che Ascolta” dell’Associazione “Cecilia Onlus” Riparte il progetto “Nontiscordardimé – La Scuola che Ascolta” dell’Associazione “Cecilia Onlus” Uno Sportello di Ascolto per Studenti, Famiglie e Docenti presso l’Istituto Statale Superiore “Michele Dell’Aquila”
Bando per riqualificare scuole, oltre 62 mln per la Puglia Bando per riqualificare scuole, oltre 62 mln per la Puglia Stanziati 105 milioni per verifiche di vulnerabilità sismica
Scuola, con San Ferdinando si conclude la consegna dei nuovi arredi Scuola, con San Ferdinando si conclude la consegna dei nuovi arredi Ultime consegne nelle scuole superiori della provincia
© 2001-2018 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.