WP
WP
Cronaca

Parco nazionale, ciò che il fiume Ofanto ha lasciato

Eternit, fango e rifiuti. Vigne abusive occupano il letto

Una valle paludosa che ha tutti i tratti di una discarica abusiva. Se non ci fosse un cartello all'ingresso difficilmente si potrebbe credere di essere in un parco nazionale. Dopo la piena il fiume Ofanto è tornato nel suo letto, anche se i suoi argini originali sono ben più ampi di quelli attuali, e sul terreno è rimasto ciò che la corrente non è riuscita a portare via. Due punti di osservazione per trovare conferma: il primo è lungo la SS159 fra Margherita di Savoia e San Ferdinando di Puglia. Appena giunti sul posto davanti agli occhi si apre uno scenario non certo da cartolina. Il letto occupato fino a qualche ora fa dal fiume in piena adesso sembra un cimitero per le viti con ciò che rimane delle vigne piantate abusivamente. La forza delle corrente ha portato via parte dei rifiuti abbandonati, fra cui scarti tossici come flaconi di veleno o detersivo, che adesso vanno a finire nel mare. Le lastre di eternit danneggiate, già denunciate, sembra che siano state risparmiate dalla forza del fiume in piena, ma restano sui campi accatastate a pochi metri dall'Ofanto.

Dall'altro punto fra Margherita di Savoia e Barletta, lungo la strada per Canne della battaglia e vicino al Caposaldo Cittiglio, non si può osservare certamente uno spettacolo migliore. Nel letto del fiume, oltre gli argini confinanti col Caposaldo, paradossalmente l'acqua ha ripulito l'area dai rifiuti e ha coperto di fango le vigne che, chiaramente, sono abusive come gran parte delle colture della zona. La logica è sempre la stessa: piantare abusivamente le vigne, tanto le esondazioni dannose capitano ogni 10 anni circa.
WPWPWPWP
  • fiume ofanto
Altri contenuti a tema
Fiume Ofanto in piena, un metro dal livello di guardia Fiume Ofanto in piena, un metro dal livello di guardia Dispiegamento di forze per monitorare la situazione
Allerta Protezione Civile, nessun problema per l'Ofanto Allerta Protezione Civile, nessun problema per l'Ofanto Abusivismo ed eternit, interventi fantasma della Provincia
Fiume Ofanto, finanziamento di 200 mila euro per Piano Parco Fiume Ofanto, finanziamento di 200 mila euro per Piano Parco Incrementare attività di gestione area naturale protetta
Letto del fiume Ofanto, rampa di cemento per guadarlo Letto del fiume Ofanto, rampa di cemento per guadarlo Fatta 10 anni fa nel cuore del parco. Autorità non vigilano
Fiume Ofanto, ripreso il suo naturale corso. Esondazione colpisce vigne abusive Fiume Ofanto, ripreso il suo naturale corso. Esondazione colpisce vigne abusive Strada fra Margherita e San Ferdinando colpita. Trinitapoli per ora non è stata coinvolta
Fiume Ofanto in piena, l'acqua a tratti supera gli argini. Non è straripato Fiume Ofanto in piena, l'acqua a tratti supera gli argini. Non è straripato Letto occupato da vigneti. Pericolo in caso di abbondanti piogge
​Passi in avanti per il progetto di risanamento dell’Ofanto ​Passi in avanti per il progetto di risanamento dell’Ofanto Incontro in Regione: al via la manutenzione straordinaria degli argini
© 2001-2019 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.