Sfruttamento manodopera migranti
Sfruttamento manodopera migranti
Territorio

"Progetto presidio", un protocollo d'intesa contro lo sfruttamento della manodopera migrante

Accordo tra Caritas diocesana e CGIL

Prevenire lo sfruttamento di manodopera stagionale migrante. È la finalità di un protocollo d'intesa siglato tra don Raffaele Sarno, direttore della Caritas diocesana di Trani – Barletta – Bisceglie ed i vertici di Cgil e Flai Cgil Bat in cui le parti si impegnano a sostenere e rafforzare interventi nel territorio volti al raggiungimento delle peculiarità del "progetto Presidio 2018":
assicurare alle lavoratrici ed ai lavoratori impiegati nel settore agricolo, edile e dei servizi, in condizione di sfruttamento, un luogo di ascolto, di orientamento e di tutela;
attivare servzi di informazione per promuovere legalità e sicurezza nei rapporti di lavoro;
attivare percorsi di integrazione ed animazione socio culturale che diffondano il rispetto tra le popolazioni, migranti e quelle locali consentendo di combattere anche sul piano culturale la segregazione e la creazione di ghetti;
attivare percorsi di orientamento al lavoro, ai servizi e legale;
sensibilizzare il territorio attraverso convegni ed iniziative che spieghino il fenomeno e contribuiscano alla diffusione della legalità.
"Per perseguire questi obiettivi come sindacato ci impegniamo – spiegano Gaetano Riglietti, segretario generale Flai Cgil Bat e Giuseppe Deleonardis, segretario generale Cgil Bat - a predisporre incontri informativi sulla normativa in materia nonché sulla contrattazione al fine di portare a conoscenza dei lavoratori migranti i diritti individuali e collettivi di cui sono titolari ed insieme alla Caritas favoriremo ed anzi incentiveremo relazioni e collaborazioni a livello istituzionale con attori territoriali come Inail, Inps e centri per l'impiego in linea con gli obiettivi del protocollo che con don Raffaele abbiamo firmato".

Il "Progetto Presidio", finanziato dalla Conferenza Episcopale Italiana e coordinato da Caritas Italiana con la collaborazione territoriale di 10 Caritas diocesane, lo ricordiamo, ha come obiettivo "garantire una presenza costante su quei territori che vivono stagionalmente l'arrivo di lavoratori attraverso un presidio di operatori Caritas pronti ad offrire, oltre ad un'assistenza per i bisogni più immediati, anche un'assistenza legale e sanitaria e un aiuto per i documenti di soggiorno e di lavoro".

In particolare l'attività di presidio si svolgerà nel territorio dell'arcidiocesi ovvero nei comuni di Barletta, Bisceglie, Corato e Trani. "Il progetto della Caritas incrocia – concludono Riglietti eDeleonardis - l'impegno costante e le iniziative continue della Cgil e della Flai in merito alla lotta ed al contrato al lavoro nero, allo sfruttamento ed ai fenomeni di intermediazione illecita di manodopera ed alla nostra attenzione sempre alta verso tutte le forme di illegalità che riguardano i nuovi schiavi".
  • Immigrati
  • Caritas
  • Cgil
Altri contenuti a tema
«Immigrazione, criminalità, disoccupazione», blitz di Forza Nuova a San Ferdinando «Immigrazione, criminalità, disoccupazione», blitz di Forza Nuova a San Ferdinando Sotto accusa la prefettura di Foggia: «Immobilità e silenzio allucinanti»
Prefettura affida immigrati a San Ferdinando, nuovi arrivi Prefettura affida immigrati a San Ferdinando, nuovi arrivi Don Mimmo: «Fratelli nelle mani dei mercanti di carne»
© 2001-2018 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.