Puttilli
Puttilli
Politica

Puttilli attacca sull'ecologia

Il capogruppo di UpS: «Non è tutto oro quello che luccica»

Il capogruppo di Uniti per San Ferdinando di Puglia, Salvatore Puttilli, è intervenuto con una nota sulla questione dell'ecologia e della raccolta differenziata. «A San Ferdinando nelle ultime settimane si è avviata un'intensa campagna mediatica al fine di promuovere le virtù dell' attività amministrativa di chi attualmente governa il nostro paese; in particolare, l'Assessore Todisco ha inteso comunicare alla città di come intenda ampliare il servizio della raccolta dei rifiuti; in verità, tutti ci auguriamo che tale sistema di incremento della differenziazione dei rifiuti possa sempre più decollare, l'Assesore Todisco, tuttavia, non può ignorare alcune legittime questioni che ci siamo permessi – come opposizione – di evidenziare sia in Consiglio Comunale che con Atti appositamente protocollati presso il Settore Ambiente e che sono le seguenti: a) i cittadini, con la TARI coprono il 100% della Spesa relativa allo spazzamento, alla raccolta, al trasporto e al conferimento dei rifiuti; premesso ciò, gli stessi cittadini contribuenti avrebbero diritto, io penso, a vedersi finalmente garantito un minimo di ritorno in termini di risparmio tariffario rispetto al loro impegno profuso in questi anni; su tutto questo, l'Amministrazione, "mediaticamente", tace; b) la stessa maggioranza, dovrebbe inoltre farsi carico dell'inquietante superficialità degli apparati gestionali comunali che appositamente interpellati dal sottoscritto in merito al "routinario" pagamento delle spettanze alla SIA, hanno letteralmente dichiarato (ieri 2 dicembre) che, in relazione al Contratto di Servizi in essere, la Carta della Qualità del Servizio non è stata ancora consegnata da SIA Srl né tantomeno è stata consegnata al Comune la Relazione che il Gestore (SIA Srl) è obbligato a presentare entro il mese di ottobre; relazione contenente la tipologia, la provenienza e la quantità dei rifiuti in ingresso e in uscita dai singoli impianti di gestione rifiuti previsti dalla pianificazione vigente e contenuti nel Contratto; i dati necessari per verificare il rispetto dei livelli di servizio previsti dal presente Contratto; i quantitativi mensili ed annui di rifiuti raccolti in forma indifferenziata e differenziata; le informazioni sull'organizzazione del servizio e, in particolare, sulla dotazione di mezzi e contenitori e sul personale impiegato; le informazioni sulla gestione degli impianti e, in particolare, sulla dotazione di mezzi e sul personale impiegato; i dati concernenti l'assolvimento da parte del gestore degli obblighi contributivi e assicurativi relativi al personale; i dati relativi ai costi del servizio a consuntivo dell'anno precedente all'anno di riferimento; le componenti di costo delle singole fasi di spazzamento, raccolta indifferenziata, raccolta differenziata, nonché dei costi generali; il numero e contenuto dei reclami pervenuti al gestore inerenti lo svolgimento del servizio; ogni altro dato che il Comune ritenga necessario per assicurare il rispetto degli obblighi contrattuali. Va evidenziato allora che "non è tutto oro, quel che luccica"; anche perchè, la c.d. Raccolta di prossimità con l'utilizzo dei bidoncini nelle zone "167" e "San Tommaso", ha moltiplicato anziché risolvere i problemi di igiene e presentabilità dei luoghi; lo stato di degrado delle periferie non accenna a diminuire; nessuna tangibile e continuativa attività è stata messa in atto per arginare il fenomeno dei roghi che ammorba da mesi la nostra ridente cittadina "delle pesche e dei carciofi". Anziché ampliare allora il servizio, si dovrebbe provvedere: 1) a migliorare quello che c'è magari utilizzando lo strumento della "verifica del grado di soddisfazione dell'utenza" (anche questo, contrattualmente previsto); 2) a modificare il Contratto con SIA Srl al fine di prevedere un ritorno, in termini di riduzioni tariffarie, per gli utenti; 3) a congelare i pagamenti, se prima non venga garantito al Comune da parte di SIA Srl, il rispetto dei livelli di servizio contrattualmente previsti. Tutto ciò è un dovere, ora più che mai, se non altro per il rispetto che dobbiamo ai nostri concittadini contribuenti che finanziano al 100% la Tassa sui Rifiuti».
    © 2001-2019 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.