Cane e gatto
Cane e gatto
Cronaca

«Una cena per chi adotta cani o gatti», l'idea di un ristoratore a San Ferdinando di Puglia

«Nel mio piccolo un modo per combattere il randagismo in città»

Una cena per due persone per chi adotta un cane o un gatto. L'idea è di un ristoratore di San Ferdinando di Puglia, Giovanni De Lillo, che ha pensato di dare il proprio contributo per combattere il fenomeno del randagismo. "Il mio - ha spiegato il titolare de "La Bruschetta" – è un gesto d'amore verso gli animali da compagnia che spesso restano senza un tetto sotto il quale vivere. Un'esperienza che ho vissuto in prima persona quando ho deciso anch'io di adottare cani rimasti soli". La generosità è tanta, ma le regole sono ferree. La cena premio è riservata solo a chi ha adottato un cane o un gatto randagio, dal canile o da una cucciolata casalinga e può dimostrarlo con gli appositi documenti. "Nel mio piccolo voglio dare una mano - ha sottolineato De Lillo -. Tutto è nato dalle passeggiate serali che faccio con i miei cani, ho notato un gran numero di randagi, soprattutto cani, e ho deciso di impegnarmi in prima persona per tentare di contrastare un problema presente in città". Le adozioni devono decorrere dallo scorso 13 luglio, data in cui è partita l'idea. "In tanti sono venuti al mio locale per rispondere all'invito fatto via social - ha concluso il titolare - ma si trattava di persone che avevano adottato un cane o un gatto cinque/dieci anni fa. Chiaro, anche loro hanno compiuto un gesto nobile, ma il mio scopo è quello di invogliare altri cittadini a compiere lo stesso gesto. Il mio ristorante è sempre aperto".
    © 2001-2019 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.