Agricoltura
Agricoltura
Agricoltura

A rischio la produzione agricola, in Puglia arrivano 320 lavoratori extracomunitari

Coldiretti: «Segnale di attenzione, in attesa del Decreto Flussi 2021»

Assegnati altri 320 lavoratori extracomunitari alla Puglia, quota residua del 2020, in attesa che sia emanato il Decreto Flussi 2021 che dovrebbe portare nelle campagne della Puglia altri 5mila lavoratori extracomunitari. A renderlo noto è Coldiretti Puglia, dopo l'ulteriore attribuzione agli Ispettorati territoriali delle ulteriori quote relative al 2020 da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

"È un segnale di attenzione, dopo la proroga al 31 luglio 2021 dei permessi di soggiorno, ottenuta grazie al pressing di Coldiretti, quando a pesare sono i limiti al passaggio nelle frontiere disposti da molti Paesi per l'avanzare dei contagi", spiega Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

L'emergenza Covid ha determinato serie difficoltà nel reperimento di manodopera da parte delle aziende agricole, a causa lentezza delle procedure di regolarizzazione e di rilascio dei nullaosta stagionali e per la mancata pubblicazione del DPCM flussi 2021.

Un problema grave in una situazione in cui a livello regionale viene ottenuto da mani straniere più di ¼ del Made in Italy a tavola, con oltre 38mila lavoratori stranieri che forniscono il 22,4% del totale delle giornate di lavoro necessarie al settore in Puglia, con oltre 973mila giornate di lavoro fornite da lavoratori stagionali stranieri solo in provincia di Foggia, il 27,61% del totale delle giornate di lavoro necessarie al settore.

"Il pericolo è la perdita delle produzioni in un momento in cui è importante assicurare l'approvvigionamento alimentare degli italiani pure per le difficoltà degli scambio commerciali. Da qui la richiesta di Coldiretti di accelerare nell'emanazione del Decreto Flussi 2021", afferma il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia.

Il pericolo è la perdita delle produzioni in un momento in cui è importante assicurare l'approvvigionamento alimentare degli italiani pure per le difficoltà degli scambio commerciali. Alle difficoltà per l'arrivo di manodopera straniera si aggiungono – continua Coldiretti - quelle burocratiche che ostacolano l'utilizzo dei lavoratori italiani. Non è stata, infatti, prorogata nel 2021 la possibilità di lavorare nelle campagne per i percettori di ammortizzatori sociali e del reddito di cittadinanza. Si tratta di contratti a termine non superiori a 30 giorni – spiega Coldiretti - rinnovabili per ulteriori 30 giorni, nel limite di 2000 euro per l'anno 2020, che potrebbero rappresentare un'opportunità importante per i bilanci delle famiglie anche per la situazione di difficoltà in cui si trovano altri settori economici.

"Dopo essere stato snobbato per decenni – insiste il presidente Muraglia - si registra un crescente interesse degli italiani per il lavoro nelle campagne anche per la situazione di difficoltà in cui si trovano altri settori economici".

Una esigenza che si è fatta stringente con il calendario delle raccolte – aggiunge Coldiretti Puglia – che si intensifica con l'avanzare dei periodi di raccolta, dopo fragole, asparagi, carciofi, ortaggi in serra, ci saranno le grandi raccolte di ciliegie, albicocche, pesche e percoche fino all'uva da tavola, con la scalarità delle diverse varietà fino a settembre.

Una opportunità che deve essere dunque accompagnata da un piano per la formazione professionale e misure per la semplificazione ed il contenimento del costo del lavoro – conclude Coldiretti Puglia – con una radicale semplificazione del voucher "agricolo" che possa ridurre la burocrazia e consentire anche a percettori di ammortizzatori sociali, studenti e pensionati italiani lo svolgimento dei lavori nelle campagne in un momento in cui tanti lavoratori sono in cassa integrazione e le fasce più deboli della popolazione sono in difficoltà.
  • agricoltura
Altri contenuti a tema
Gelate del 2018, arrivano gli indennizzi Gelate del 2018, arrivano gli indennizzi Riconosciuti oltre 8 milioni di euro per gli agricoltori pugliesi
Furti nelle campagne della Bat, Di Bari: “Istituire un fondo antiracket” Furti nelle campagne della Bat, Di Bari: “Istituire un fondo antiracket” La capogruppo del M5S all'incontro sulla sicurezza nelle campagne della Bat
Sicurezza nelle aree agricole della Bat, la richiesta di Caracciolo accolta dal Prefetto Sicurezza nelle aree agricole della Bat, la richiesta di Caracciolo accolta dal Prefetto Riattivazione dell'osservatorio regionale sui reati in agricoltura e incremento della sorveglianza
Caporalato, Capone: «La lotta contro lo sfruttamento sui campi sia la lotta di tutti» Caporalato, Capone: «La lotta contro lo sfruttamento sui campi sia la lotta di tutti» Il Presidente del Consiglio regionale della Puglia al seminario “Le lotte del movimento bracciantile per il collocamento e contro il caporalato”
Nasce “Agrodriver”, la guida in campo per le imprese olivicole Nasce “Agrodriver”, la guida in campo per le imprese olivicole Il servizio del Consorzio Oliveti d’Italia per condividere modello olivicolo ed esperienza ventennale
Morti sul lavoro, «Emiliano convochi Tavolo per definire condizioni lavoratori» Morti sul lavoro, «Emiliano convochi Tavolo per definire condizioni lavoratori» Intervento congiunto Cia Puglia, Confagricoltura Puglia e Copagri Puglia
Troppo caldo, Emiliano: «Stop al lavoro agricolo dalle 12 alle 16» Troppo caldo, Emiliano: «Stop al lavoro agricolo dalle 12 alle 16» L'ordinanza del presidente regionale valida fino al 31 agosto
Recupero acque reflue a scopo irriguo, se ne discute in Regione Recupero acque reflue a scopo irriguo, se ne discute in Regione In quarta commissione permanente l'invito di galante ad ascoltare i dirigenti di enti idrici
© 2001-2021 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.