Agricoltura
Agricoltura
Territorio

Calano gli occupati in agricoltura nella Bat

Gli iscritti ai registri sono 577 in meno nel 2021 rispetto all'anno precedente. Riglietti (Flai Cgil): «I conti non tornano»

Il numero di lavoratori del comparto agricolo iscritti negli elenchi della Bat è sceso, nel 2021, di 577 unità rispetto all'anno precedente. Un calo che suscita forte preoccupazione, una tendenza negativa che nell'arco temporale compreso tra il 2017 e lo scorso anno ha complessivamente prodotto una contrazione marcata: 2234 gli addetti del settore in meno. Di contro, per quanto riguarda le giornate di lavoro dichiarate, è stato rilevato un aumento di 24405 (per un totale di oltre 1 milione e 780 mila), in funzione del quale, in media, ciascuno dei 18679 inclusi negli elenchi ha lavorato un giorno in più.

«Il maggior aumento di giornate dichiarate riguarda Andria con un +16359 e a seguire Minervino con +5999 giornate, Barletta con +5590, poi Bisceglie e Trani con numeri di gran lunga inferiori. Tutti gli altri Comuni della Bat mostrano un segno negativo» ha affermato Gaetano Riglietti, segretario provinciale Flai Cgil, evidenziando: «Il 29% dei braccianti ha un massimo di 50 giornate dichiarate e perciò, secondo quanto previsto dalle normative, non avrà neanche diritto alle prestazioni previdenziali. Poco più del 12% degli iscritti negli elenchi, ovvero 2827 lavoratori, è composto da stranieri, oltre la metà dei quali (1569) di nazionalità romena. I marocchini sono 191, gli albanesi 130, i bulgari 124, i nigeriani e i senegalesi 103. Poca cosa se si considera anche l'incidenza delle giornate dichiarate a proposito degli stranieri, che non va oltre il 12%» ha aggiunto Riglietti, osservando: «Quando si sostiene la manodopera non si trova per via della mancanza dei braccianti immigrati, riteniamo che non si vero perché questi numeri dimostrano che la percentuale di lavoratori stranieri è davvero residuale. E, se poi il numero degli iscritti negli elenchi 2021 diminuisce rispetto all'anno precedente, non si comprende il motivo del continuo grido di allarme relativo alla mancanza di manodopera». Il dato riguardante il lavoro femminile è al 14.28%.

L'incremento del numero di giornate dichiarate potrebbe essere legato anche all'emersione di alcune irregolarità. Solo il 24% dei braccianti della Bat supera le 151 giornate lavorate, mentre chi va oltre le 181 rappresenta appena il 3% del totale: un'eloquente contraddizione per un territorio dall'altissima vocazione agricola. «I conti non tornano e a maggior ragione proseguiremo con la nostra missione di "sindacato di strada" per portare avanti la nostra azione in difesa dei diritti dei lavoratori agricoli» ha concluso Riglietti.
  • agricoltura
  • cgil bat
  • Cgil
Altri contenuti a tema
Nuovi orizzonti per lo sviluppo del comparto agricolo a San Ferdinando Nuovi orizzonti per lo sviluppo del comparto agricolo a San Ferdinando Nuovi spazi per la Cooperativa Coldiretti: presenti Mons. Enrico dal Covolo e gli studenti dell’Istituto Dell’Aquila
Danni Peronospora, UNSIC: «Il Comune di San Ferdinando di Puglia non è incluso» Danni Peronospora, UNSIC: «Il Comune di San Ferdinando di Puglia non è incluso» «Moltissimi agricoltori che conducono terreni in agro di San Ferdinando, oggi si ritrovano maggiormente svantaggiati»
Agricoltura, dal comune di San Ferdinando di Puglia sostegno concreto dei manifestanti Agricoltura, dal comune di San Ferdinando di Puglia sostegno concreto dei manifestanti La sindaca Camporeale: «È necessario un tavolo permanente sulle tematiche dell'agricoltura»
Gli agricoltori sanferdinandesi non si fermano: la mobilitazione continua Gli agricoltori sanferdinandesi non si fermano: la mobilitazione continua Ieri convoglio di trattori con direzione Bari, e martedì prossimo presidio alla sede della Regione
Gli agricoltori di San Ferdinando arrivano in Comune: le richieste del Comitato all'Amministrazione Gli agricoltori di San Ferdinando arrivano in Comune: le richieste del Comitato all'Amministrazione Dopo i presidi dei giorni scorsi si è aperto un dialogo con gli amministratori locali
Il Comitato Spontaneo agricoltori di San Ferdinando chiede un Consiglio comunale urgente Il Comitato Spontaneo agricoltori di San Ferdinando chiede un Consiglio comunale urgente Continua la mobilitazione nella Bat: gli agricoltori chiedono maggiore appoggio da parte degli organi istituzionali
San Ferdinando di Puglia in fermento per la protesta degli agricoltori San Ferdinando di Puglia in fermento per la protesta degli agricoltori “Gli agricoltori e l’agricoltura vanno rispettati”: parla Mauro Binetti
Agricoltura, San Ferdinando di Puglia raccoglie il grido d'allarme del settore Agricoltura, San Ferdinando di Puglia raccoglie il grido d'allarme del settore Camporeale: «Ci impegniamo a supportare e promuovere le ragionevoli istanze»
© 2001-2024 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.