pes bat dicembrej
pes bat dicembrej
Territorio

Il Pes Bat incontra il Prefetto: ecco le tappe del partenariato nel 2019

Dalla costituzione alla richiesta dei fondi regionali

deindustrializzazione, che vedono oggi la BAT, in base ai risultati di uno studio prodotto dallo stesso PES BAT, all'ultimo posto delle province italiane in termini di competitività territoriale e all'ultimo posto delle province pugliesi per PIL pro-capite. Per delineare tali politiche, programmi e progetti di sviluppo territoriale il protocollo d'intenti costitutivo del PES BAT prevede l'elaborazione di un Piano di Azione per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, facendo leva sulla struttura operativa del Future Center, con sede a Barletta, che lo stesso PES ha messo in piedi d alcuni anni. Tale Piano di Azione per lo sviluppo della BAT si propone di declinare operativamente i progetti strategici territoriali già previsti dal Piano Territoriale di Coordinamento PES BAT Partenariato Economico e Sociale della Provincia Barletta Andria Trani PES BAT- Partenariato Economico e Sociale della Provincia Barletta Andria Trani, presso Associazione Future Center Barletta-BAT, Viale Guglielmo Marconi, 39, 76121 Barletta (BT). 2 Provinciale, delineare e articolare ulteriori progetti strategici, e comunque definire progettualità di valenza territoriale che possa essere finanziata con i fondi europei, nazionali e regionali della programmazione 2014-2020 e di quella prevista per il 2021- 2027.

L'attivazione della Conferenza permanente presso la Prefettura-UTG di Barletta Andria Trani con la partecipazione degli enti locali Un passo importante compiuto dal PES BAT appena costituitosi è stato quello di presentarsi al Prefetto di Barletta Andria Trani, il quale, con la nuova configurazione delle prefetture, rappresenta l'intero Governo sul territorio. Il Prefetto ha condiviso il percorso intrapreso dalle organizzazioni datoriali e sindacali del territorio è si è impegnato a convocare un incontro per la presentazione del Protocollo PES BAT agli enti locali e alle Camere di Commercio di Bari e Foggia e per istituire la Conferenza permanente per lo sviluppo territoriale. In data 17 ottobre si è tenuto tale incontro, in cui gli enti locali hanno manifestato la loro condivisione del Protocollo del PES BAT e si sono impegnati, partendo dai principi di tale protocollo, ad approvare e sottoscrivere un protocollo fra tutti gli enti locali, le Camere di Commercio e le organizzazioni del PES BAT, anche al fine di delineare una governance pubblico-privata per le politiche d sviluppo territoriale. Nel corso dell'incontro è pure emersa la necessità di coinvolgere la Regione Puglia nei lavori della Conferenza permanente. A riguardo, il Prefetto si è impegnato a inviare una nota al Presidente della Regione, cosa che poi ha puntualmente fatto. Il Prefetto si è impegnato a convocare una nuova seduta della Conferenza permanente, in cui presentare e discutere il testo del nuovo protocollo fra gli Enti locali, le Camere di commercio, il PES BAT, con la possibile partecipazione anche della Regione Puglia.

La partecipazione all'avviso pubblico regionale sulle Zone Economiche e Sociali Il 25 luglio è stato pubblicato l'avviso pubblico regionale sulle ZES, rivolto agli enti locali per l'attribuzione delle aree residue e non assegnate delle Zone Economiche Speciali (ZES) Interregionali Ionica e Adriatica. In via di approvazione del Piano strategico della Zona Economica Speciale Adriatica, che comprende il Molise e la Puglia, dal Porto di Termoli al Porto di Brindisi, il territorio della BAT è stato coinvolto per il Porto di Barletta e la vicina Zona Industriale su via Trani. Le ZES, come noto, sono un recente strumento normativo per favorire l'attrazione degli investimenti in specifiche aree del Mezzogiorno, grazie a incentivi fiscali, economici e amministrativi. PES BATPartenariato Economico e Sociale della Provincia Barletta Andria Trani PES BAT- Partenariato Economico e Sociale della Provincia Barletta Andria Trani, presso Associazione Future Center Barletta-BAT, Viale Guglielmo Marconi, 39, 76121 Barletta (BT). 3 Il PES si è subito attivato per verificare la partecipazione all'avviso regionale da parte degli altri Comuni della BAT, per candidare una proposta come sistema territoriale integrato, ipotesi prevista dallo stesso avvivo. In tal senso, il PES ha invitato il Presidente della Provincia Barletta Andria Trani a convocare un incontro con tutti i Comuni della BAT, incontro che poi è stato convocato per il giorno 12 settembre. In tale incontro è emersa la volontà di procedere a verificare la possibilità di presentare una candidatura comune, per allargare la ZES del Polo di Barletta agli altri Comuni della BAT, attivando una fase di analisi delle diverse aree produttive rispetto ai requisiti dell'avviso. Gli uffici del settore urbanistico della provincia, d'intesa con il Coordinatore Tecnico del PES BAT, hanno messo a punto un format di rilevazione dati delle varie aree produttive, e dopo una prima verifica, anche con gli uffici regionali e con lo stesso Assessore Regionale allo Sviluppo Economico, è emersa la possibilità concreta di elaborare una proposta definita "Sistema Territoriale Integrato Retroportuale della BAT", comprendente i Comuni di Canosa di Puglia, Minervino Murge, San Ferdinando di Puglia, Spinazzola, Trani, Trinitapoli. A questi comuni si è aggiunto il Comune di Poggiorsini, che pur facendo parte della Città Metropolitana di Bari, è unita con i Comuni di Spinazzola e Minervino Murge nel progetto dell'Area Interna dell'Alta Murgia, quale parte integrante della Strategia Nazionale delle Aree Interne, ammessa ai finanziamenti dell'Unione europea gestiti dalla Regione Puglia. Tale programma è destinato ad essere implementato nel prossimo futuro e può rappresentare una grande opportunità per l'intera BAT. In data 4 novembre il Presidente della Provincia ha convocato l'incontro per sottoscrivere il protocollo d'intesa tra i Comuni che hanno delegato la Provincia a presentare la proposta alla Regione. La proposta è stata inoltrata alla Regione entro i termini di scadenza dell'avviso fissato al 22 novembre 2019.

L'avvio del tavolo per definire la governance e le politiche per le aree produttive della BAT Il Protocollo firmato il 4 novembre dalla Provincia di Barletta Andria Trani, dai Comuni della BAT e dal PES BAT assume una duplice valenza, perché oltre a delineare la proposta ZES prevede anche l'avvio di un tavolo di lavoro per elaborare una proposta per definire la governance e la promozione delle aree produttive della BAT. Tale tavolo riguarderà i due progetti strategici previsti dal Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale: PST2- Rete territoriale delle aree di insediamento produttive Provinciale; PST8- Il sistema portuale e retro-portuale di Barletta. PES BATPartenariato Economico e Sociale della Provincia Barletta Andria Trani PES BAT- Partenariato Economico e Sociale della Provincia Barletta Andria Trani, presso Associazione Future Center Barletta-BAT, Viale Guglielmo Marconi, 39, 76121 Barletta (BT). 4 La proposta per il Contratto Istituzionale di Sviluppo della BAT Altro fronte su cui il PES BAT ha dedicato attenzione, in questi primi mesi di attività, è stato quello di far maturare la volontà perché si addivenisse a formulare una richiesta al Presidente del Consiglio dei Ministri per la sottoscrizione di un Contratto Istituzionale di Sviluppo per il territorio della BAT. Il Contratto Istituzionale di Sviluppo (CIS) è un altro strumento a favore delle regioni del Mezzogiorno per promuovere investimenti in vari settori, utilizzando soprattutto risorse comunitarie e nazionali. Il PES BAT per motivare l'attivazione della procedura del CIS ha messo a punto una nota tecnica che evidenzia le criticità per lo sviluppo del territorio, che necessitano di un intervento straordinario e strategico per avviare una nuova fase di sviluppo della BAT, puntando su processi di innovazione del sistema produttivo e nuove infrastrutture e servizi di natura economica, sociale e ambientale. In tale nota sono evidenziate alcune criticità rilevanti territorio provinciale BAT che ne limitano fortemente la competitività. Attraverso un'analisi multifattoriale, basata su 13 indicatori economici, sociali e ambientali, riguardante tutte le province italiane, è stata stilata una specifica graduatoria provinciale in termini di competitività territoriale, da cui emerge che la BAT si posiziona ultima in graduatoria. Questa difficoltà competitiva incide fortemente sul reddito pro-capite e sulla produttività del lavoro. Nel primo caso viene evidenziato che la BAT ha il più basso reddito pro-capite fra le province pugliesi e uno fra i più bassi delle province meridionali. Anche rispetto alla produttività del lavoro la BAT presenta un valore insoddisfacente che la colloca all'ultimo posto delle province pugliesi e fra le ultime a livello del Mezzogiorno. Alla base di queste difficoltà vi è una precarietà dell'economia del territorio che si riflette inevitabilmente sulla qualità dei rapporti di lavoro e sulla loro stabilità nel lungo periodo. Queste condizioni di precarizzazione economica hanno condizionato pesantemente la vita delle persone negli ultimi anni, spingendo molte di esse a emigrare. Nell'ultimo triennio il saldo migratorio della BAT è stato negativo, con un numero di emigrati superiore a quello degli immigrati, e con valori percentuali superiori a quelli della Puglia e del Mezzogiorno. Sulla base di queste considerazioni il PES BAT ha inoltrato una lettera al Presidente della Provincia Barletta Andria Trani e per conoscenza al Prefetto e ai Sindaci della BAT per definire e concordare una proposta per chiedere al Presidente del Consiglio dei Ministri l'attivazione della procedura per addivenire alla sottoscrizione di un CIS per la BAT, in linea con quanto previsto dalla normativa sul tema. PES BATPartenariato Economico e Sociale della Provincia Barletta Andria Trani PES BAT- Partenariato Economico e Sociale della Provincia Barletta Andria Trani, presso Associazione Future Center Barletta-BAT, Viale Guglielmo Marconi, 39, 76121 Barletta (BT). 5 Il Presidente della Provincia Barletta Andria Trani ha poi convocato un incontro per l'11 novembre in cui è stato sottoscritto da parte della Provincia, dei Comuni BAT, del Comune di Poggiorsini e del PES BAT il protocollo d'intesa per la richiesta di attivazione del CIS. Il Presidente della Provincia ha quindi scritto una lettera in tal senso, da inviare al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro per il Sud e la Coesione e per conoscenza al Presidente della Regione Puglia, tramite il Prefetto di Barletta Andria Trani. Il neo Prefetto Valiante, da poco insediatosi, ha incontrato il Presidente della Provincia e il Coordinamento del PES BAT in data 16 dicembre per fare il punto sulla proposta di CIS da attivare e in data 17 dicembre ha inoltrato la proposta alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La richiesta di fondi alla Regione Puglia per le attività di assistenza tecnica promosse dal PES BAT In ultimo, è stata formulata una richiesta al Presidente della Regione Puglia per valutare la possibilità d inserire nel bilancio regionale dei fondi a favore della Provincia Barletta Andria Trani, necessari per sostenere le spese tecniche per l'elaborazione del Piano di Azione per lo sviluppo della BAT e le relative attività partecipative.
  • pesce
Altri contenuti a tema
L'export dell'agroalimentare pugliese traina la ripresa economica L'export dell'agroalimentare pugliese traina la ripresa economica La stima di Coldiretti che parla di una Produzione Lorda Vendibile che si attesta su 3,6 miliardi di euro
Capodanno all'insegna del pesce sulle tavole dei pugliesi Capodanno all'insegna del pesce sulle tavole dei pugliesi Ma attenzione ai trucchi di quanti spacciano pesce nostrano per prodotto estero e di pessima qualità
Termina il fermo biologico e torna il pesce fresco in tavola Termina il fermo biologico e torna il pesce fresco in tavola Via libera ai pescherecci in tutto l’Adriatico per rifornire dall’inizio della settimana i mercati
© 2001-2020 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.