La prima risonanza magnetica 3 Tesla di Puglia all'ospedale di Barletta
La prima risonanza magnetica 3 Tesla di Puglia all'ospedale di Barletta
Attualità

La prima risonanza magnetica 3 Tesla di Puglia all'ospedale di Barletta

L'apparecchiatura sarà al servizio dell'utenza di tutto il territorio della Bat

Si è svolta lunedì 16 gennaio l'inaugurazione della prima risonanza magnetica 3 Tesla presente in una Asl della Regione Puglia, la più performante e tecnologicamente avanzata disponibile in ambito clinico. L'apparecchiatura Magnetom Vida è stata collocata nell'unità operativa di radiologia a valenza universitaria dell'ospedale "Dimiccoli" di Barletta, diretta dal professor Giuseppe Guglielmi. Acquistata tramite l'utilizzzo di fondi Por Puglia Fesr 2014-2020 al costo totale di oltre un milione di euro, è giunta nel territorio dell'Asl Bt lo scorso 23 novembre e richiesto interventi specifici.

Le caratteristiche tecniche di questa apparecchiatura consentono di ottenere i risultati migliori possibili in termini di qualità con una significativa riduzione della durata degli esami; infatti la risonanza magnetica 3 Tesla offre vantaggi notevoli dal punto di vista medico, tecnico e clinico per il paziente.

La Risonanza magnetica 3 Tesla garantisce una elevata risoluzione spaziale e di contrasto con elevato dettaglio anatomico, offre la possibilità di visualizzare strutture più piccole e dunque riconoscere le patologie in fase più precoce. I principali vantaggi tecnologici sono un incremento del rapporto segnale-rumore e contrasto-rumore, con conseguente riduzione dei tempi di esecuzione dell'esame, anche grazie all'utilizzo di algoritmi iterativi di ricostruzione delle immagini e alla possibilità di acquisire più strati simultaneamente. Diverse sono le applicazioni cliniche, in particolare in ambito neuroradiologico (studi di imaging avanzato quali: trattografia, risonanza magnetica funzionale, studi di perfusione e spettroscopia), in ambito addominale e pelvico (es. la prostata), in campo muscolo-scheletrico (aumento del dettaglio anatomico di osso, cartilagine, tendini, legamenti, menischi), vascolare (incremento del rapporto contrasto-rumore specie dopo mdc), ma anche in campo senologico e cardiologico.

Al paziente è garantito il massimo comfort: il suo corretto posizionamento è assicurato da un sistema automatizzato che permette anche una esatta riproduzione delle regioni di interesse in caso di esami ripetuti. Questa apparecchiatura è inoltre in grado di effettuare esami dell'apparato digerente e cardiovascolare con respirazione libera. Il Turbo Suite consente di effettuare esami accelerati con tutti i mezzi di contrasto, i vari orientamenti spaziali, l'imaging statico e dinamico con una netta riduzione della durata dell'esame (dal 30 al 50 per cento), elemento questo di estrema importanza per il paziente.

«L'apparecchiatura è già attiva» ha rimarcato il professor Guglielmi. «I radiologi e i tecnici di radiologia hanno già concluso la fase di formazione e sono già operativi. Questa apparecchiatura consentirà di effettuare esami di altissima qualità e di essere di supporto alle attività diagnostiche di tutti i medici della Asl. Le possibilità diagnostiche che offre ne fanno inoltre uno strumento di studio e di approfondimento di estrema importanza anche per lo sviluppo di ricerche universitarie. Infatti, la presenza dei medici specializzandi in radiodiagnostica e degli studenti del corso di laurea in tecniche di radiologia medica per immagini e radioterapia dell'Università degli studi di Foggia, rappresenta una spinta importante in termini di studio e ricerca costanti».

Di estrema importanza infatti è il ruolo dei tecnici di radiologia, coordinati a Barletta dalla dottoressa Rosa Matera: «Lavoriamo in stretta collaborazione con i radiologi e siamo responsabili della preparazione del paziente per la procedura, il posizionamento, l'acquisizione e l'elaborazione delle immagini nonché l'archiviazione delle stesse».

Alessandro Scelzi, Direttore Sanitario Asl Bt, ha commentato: «Siamo molto orgogliosi della presentazione di questa risonanza magnetica 3 Tesla. I tempi di lavoro previsti in fase di programmazione sono stati rispettati e l'attività di diagnosi non si è mai interrotta perché in questi mesi è stata attiva a Barletta una risonanza magnetica mobile che ha permesso di garantire il servizio al cittadino e di portare avanti i lavori strutturali necessari per ospitare la nuova apparecchiatura, le complesse procedure di montaggio e la formazione di medici e tecnici di radiologia. L'uso di questa apparecchiatura farà la differenza in termini di qualità e dettaglio delle immagini disponibili per una più corretta diagnosi».
  • Asl BT
  • ospedale dimiccoli
  • ospedale Barletta
  • risonanza magnetica
Altri contenuti a tema
False registrazioni di vaccini anti-Covid, nei guai dipendente Asl Bat False registrazioni di vaccini anti-Covid, nei guai dipendente Asl Bat Secondo i finanzieri avrebbe fatto accesso al gestionale apposito per accreditarsi due vaccinazioni mai effettuate e ottenere il Green pass
Test hiv, a febbraio screening negli ambulatori di ginecologia Asl Bt Test hiv, a febbraio screening negli ambulatori di ginecologia Asl Bt Il progetto coinvolge il reparto di malattie infettive del "Vittorio Emanuele II" di Bisceglie
Ventola: «Riapriamo gli ospedali chiusi della Bat in attesa della nuova struttura di Andria» Ventola: «Riapriamo gli ospedali chiusi della Bat in attesa della nuova struttura di Andria» Il consigliere regionale di Fratelli d'Italia spiazza tutti: «I tempi di realizzazione dell'ospedale del nord barese non sono assolutamente definiti»
Nutrizione parenterale domiciliare, incontro promosso dall'Asl Bt Nutrizione parenterale domiciliare, incontro promosso dall'Asl Bt L'obiettivo è un maggiore riconoscimento della patologia di insufficienza intestinale cronica benigna
Sanità, lunedì s'inaugura la nuova ala del pronto soccorso di Barletta Sanità, lunedì s'inaugura la nuova ala del pronto soccorso di Barletta Sarà dotata in tutto di 16 posti letto
Sanità, riattivato il reparto di rianimazione dell'ospedale di Barletta Sanità, riattivato il reparto di rianimazione dell'ospedale di Barletta L'unità operativa era stata chiusa in settembre a causa dell'incendio divampato dall'esterno della struttura
È andriese il primo nato dell'anno negli ospedali della Bat È andriese il primo nato dell'anno negli ospedali della Bat Il parto spontaneo è avvenuto alle 22:45 del primo gennaio nel reparto di ostetricia e ginecologia dell'ospedale "Bonomo" di Andria
Donazione organi e tessuti, bilancio positivo nell'Asl Bt Donazione organi e tessuti, bilancio positivo nell'Asl Bt Dimatteo: «2022 molto significativo. Grazie a tutti coloro che hanno scelto la vita»
© 2001-2023 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.