Reperti archeologici recuperati nella Bat
Reperti archeologici recuperati nella Bat
Cronaca

Operazione "Canusium", recuperati reperti archeologici nella Bat

I carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale in azione a Minervino Murge, Spinazzola e Canosa di Puglia. 16 gli arrestati in tutta Italia

Traffico di reperti archelogici, 16 arresti in tutta Italia. L'operazione parte dalla Puglia: è infatti scaturita dagli esiti di una complessa ed articolata indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Trani e svolta dai carabinieri dell'arte di Bari, ha complessivamente impegnato più di 300 militari dell'Arma.

La banda si procurava la "merce" grazie a scavi clandestini eseguiti da squadre di tombaroli in aree campane, lucane e pugliesi, l'esportava illecitamente all'estero per immetterli nel mercato illegale delle opere d'arte.

L'inchiesta "Canusium" è stata condotta dal Nucleo Tpc di Bari: l'attività investigativa è stata avviata nel 2022 a seguito dell'individuazione nell'agro di Canosa, mediante la componente aerea dell'Arma pugliese, di diversi scavi clandestini.

L'inchiesta, sviluppata e ampliata, anche sul piano internazionale, a partire dallo scorso autunno, supportata da attività tecniche, dinamiche e telematiche, ha consentito di individuare un'organizzazione criminale composta dal classico repertorio strutturato di soggetti che compongono la filiera tipica del fenomeno delinquenziale in danno dei beni culturali e strutturata nel modo seguente: tombaroli, ricettatori di zona (primo livello) e areali (secondo livello), nonché da trafficanti internazionali.

Il sodalizio, con basi operative nella provincia di Bat con diramazioni in Campania, Lazio e il resto della Puglia, aveva avviato un fiorente canale commerciale di monete archeologiche che, frutto di scavi clandestini eseguiti in Puglia e Campania, venivano poi cedute dai vari ricettatori ai diversi trafficanti internazionali, i quali provvedevano a immetterle sul mercato illecito globale, attraverso Case d'asta estere.

Nel corso delle investigazioni sono state recuperate e sequestrate diverse migliaia di reperti archeologici, tra ceramiche e monete archeologiche in oro, argento e bronzo, 60 tra metal detector e arnesi idonei allo scavo clandestino, nonché documentazione contabile attestante le transazioni illecite in Italia e con l'estero. Le misure coercitive e le perquisizioni sono state eseguite in diverse località dell'Abruzzo, Basilicata, Campania, Lazio e Puglia.Sono 3.586 i pezzi recuperati, derivanti da diverse aree.

In particolare, a Minervino Murge e Canosa di Puglia, sono stati sequestrati 1.234 reperti: 748 monete in bronzo e argento; 398 tra bracciali, anelli, fibule e medaglie in bronzo; 35 pesi da telaio; 29 elementi in pasta vitrea; 24 tra brocche, olle, piatti, unguentari e miniature, riferibili verosimilmente al IV-III sec. a.C., oltre a 2 metal-detector e attrezzature per le ricerche clandestine.

A Spinazzola 179 reperti, di cui 125 monete in argento e bronzo; 18 pesi da telaio; 12 elementi in metallo; 24 tra crateri a campana, stamnos, brocche, coppe, statuette, piatti, skyphos, epichysis, kantharos, vasi miniaturistici, lucerne e fusi ceramici, risalenti a un periodo verosimilmente compreso tra il IV ed il II sec. a.C., oltre ad arnesi da scavo e 2 metal-detector.

A Ordona (Foggia) 6 monete in argento, riferibili al periodo romano repubblicano (III-II sec. a.C.); 3 monete in bronzo (asse e sesterzi), riferibili al periodo romano imperiale (I sec. a.C.), tutte con caratteristiche di rarità e pregio.
A L'Aquila 91 monete archeologiche in argento di epoca II-I sec. a.C.; 4 monete archeologiche in bronzo attestabile al II-I sec. a.C..
A Troia (Foggia) 25 monete archeologiche in bronzo di datazione tardo imperiale romana; un oggetto fittile di datazione tardo imperiale romana-medioevale; 3 metal-detector, 3 coltelli e attrezzature varie per le ricerche clandestine.
A Ciampino 364 monete archeologiche in argento e bronzo di epoca imperiale romana.
A Lavis (Trento) 1.679 monete archeologiche in argento e bronzo, di zecche magno greche, romane e bizantine, databili tra il IV sec. a.C. e il III sec. d.C.
  • Carabinieri
  • Carabinieri Bat
Altri contenuti a tema
Visita del Generale Del Monaco alla Stazione Carabinieri di San Ferdinando di Puglia Visita del Generale Del Monaco alla Stazione Carabinieri di San Ferdinando di Puglia Visita nella Bat da parte del Generale dei Carabinieri Comandante della Legione Puglia
Controlli dei Carabinieri nella Bat, sanzione per un circolo privato di San Ferdinando di Puglia Controlli dei Carabinieri nella Bat, sanzione per un circolo privato di San Ferdinando di Puglia Scattato il sequestro di sette PC a disposizione del pubblico per giocare
Furti d'auto nella Bat, continua l'azione dei Carabinieri Furti d'auto nella Bat, continua l'azione dei Carabinieri Arrestati due soggetti dopo la scoperta di targhe rubate, centraline e arnesi da scasso in un casolare tra Andria e Corato
Carabinieri, proseguono i controlli nella Bat con l'avvicinarsi delle feste pasquali Carabinieri, proseguono i controlli nella Bat con l'avvicinarsi delle feste pasquali Le attività sono volte al contrasto delle violazioni del Codice della strada e del traffico di stupefacenti
A lezione con i Carabinieri: nella Bat incontri sulla cultura della legalità A lezione con i Carabinieri: nella Bat incontri sulla cultura della legalità La formazione nelle scuole è finalizzata a trasmettere il rispetto delle regole e delle persone
Carabinieri, intensificati i controlli del territorio dal Comando Provinciale Bat Carabinieri, intensificati i controlli del territorio dal Comando Provinciale Bat Un servizio a largo raggio con controlli a tappeto e perquisizioni per ricerca di armi e stupefacenti
Furti a San Ferdinando di Puglia: risponde il comandante dei Carabinieri Bat Furti a San Ferdinando di Puglia: risponde il comandante dei Carabinieri Bat Intervista al colonnello Massimiliano Galasso sul fenomeno dei furti di auto e nelle abitazioni negli ultimi mesi
A San Ferdinando riapre al pubblico la Stazione dei Carabinieri A San Ferdinando riapre al pubblico la Stazione dei Carabinieri Intervista al comandante provinciale Massimiliano Galasso
© 2001-2024 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.