Scuola
Scuola
Scuola e Lavoro

Scuola in Puglia, il Tar ha deciso. Si continua con la DaD a richiesta

Emiliano: «Molto soddisfatto, l'ordinanza contempera il diritto allo studio con il diritto alla salute»

Il Tar di Bari ha deciso, la scuola in Puglia resta in presenza con la possibilità per le famiglie di optare per la Didattica a distanza.

L'ultima ordinanza della Regione Puglia, la 413, che ha sostituito la precedente, resta quindi in vigore fino al prossimo 3 dicembre, esattamente come il Dpcm. Di fatto il ricorso, presentato da alcuni genitori contro l'ordinanza della Regione, rappresentati dagli avvocati Savino Tatoli e Michele Perrone, è stato dichiarato improcedibile essendo venuti meno i motivi di interesse dello stesso ricorso.

La richiesta di Michele Emiliano di essere sentito è stata rigettata, in quanto i giudici hanno ritenuto l'ultima ordinanza emessa quella da tenere in considerazione, mentre la precedente, quella con data 27 ottobre con la quale le scuole di ogni ordine e grado in Puglia venivano chiuse, viene considerata non più valida.

«Sono molto soddisfatto dell'ordinanza cautelare del Tar di Bari che ha legittimato la didattica integrata digitale anche nelle scuole del ciclo primario come disciplinata dall'ordinanza n. 413 attualmente in vigore - commenta Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia. Con questa ordinanza è infatti consentito, su richiesta delle famiglie, di contemperare il diritto allo studio con il diritto alla salute degli studenti e delle loro famiglie. Con l'ordinanza 413 la scuola deve mettere a disposizione di tutti gli alunni la Ddi, per rispettare il diritto di chi ne fa richiesta. Ci tengo a precisare che il Tar non ha affatto intaccato la legittimità della precedente ordinanza (la 407) avendone rilevato esclusivamente la sopravvenuta inefficacia perché emanata prima dell'ultimo Dpcm».

L'avvocatura della Regione Puglia precisa: «Il Tar ha considerato che l'ordinanza attualmente vigente n. 413/2020 è stata resa – a seguito di una nuova istruttoria- sul presupposto della sopravvenuta disciplina prevista dal Dpcm 3 novembre 2020 e sulla base della valutazione della situazione epidemiologica nella Regione Puglia aggiornata. Il Tar ha, infine, rilevato che le nuove prescrizioni regionali - efficaci dal 7 novembre al 3 dicembre 2020 - non sono state oggetto di contestazione a mezzo di motivi aggiunti e, pertanto, ha ravvisato i presupposti per la declaratoria di improcedibilità dell'odierna domanda cautelare essendo le misure urgenti adottate dalla Regione Puglia per contrastare l'emergenza epidemiologica Covid-19 ora disciplinate dal nuovo provvedimento».
  • Scuola
  • regione puglia
Altri contenuti a tema
Meteo, calo delle temperature in arrivo sulla Puglia Meteo, calo delle temperature in arrivo sulla Puglia Graduale ricambio d'aria previsto da domenica
Progetto di legge regionale sul "fine vita", la nota della Conferenza episcopale pugliese Progetto di legge regionale sul "fine vita", la nota della Conferenza episcopale pugliese I vescovi: «Esortiamo ad una prudenziale valutazione della realtà»
La Puglia perde le sue campagne, l'allarme di Coldiretti La Puglia perde le sue campagne, l'allarme di Coldiretti L'associazione: «In un anno registrata una perdita dell'8% di terreni agricoli»
Tre avvisi regionali dedicati allo sport Tre avvisi regionali dedicati allo sport Rivolti ad enti locali, associazioni, comitati organizzatori senza scopo di lucro e federazioni per la promozione di eventi ed il sostegno alle attività
Rischio piogge su San Ferdinando: scattata l'allerta meteo Rischio piogge su San Ferdinando: scattata l'allerta meteo L'avviso diramato dalla Protezione Civile
Caccia, approvato il calendario regionale. Le date Caccia, approvato il calendario regionale. Le date Fissata una pre-apertura nel mese di settembre
Maturità, Puglia seconda regione d'Italia per numero di 100 e lode Maturità, Puglia seconda regione d'Italia per numero di 100 e lode Il 99,9% degli studenti ammessi all'esame ha superato la prova
Caldo, Coldiretti: «Cambia la dieta per 800 mila pugliesi» Caldo, Coldiretti: «Cambia la dieta per 800 mila pugliesi» L'associazione sottolinea l'importanza dell'alimentazione per affrontare le alte temperature
© 2001-2022 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.