Carabinieri
Carabinieri
Cronaca

Tentò di rapinare un'anziana vicina di casa picchiandola, arrestato 26enne

Il giovane, di nazionalita rumena, minacciò di morte e provò a derubare la vicina di 86 anni

Il tentativo di rapina era fallito dopo che la vittima aveva cominciato ad urlare per richiamare l'attenzione dei vicini. A metterla in atto, quella rapina mal riuscita, un 26enne rumeno arrestato dai carabinieri che hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Foggia su richiesta della Procura della Repubblica. L'accusa nei confronti di Cosmin Tarnauceanu è quella di tentata rapina ai danni di una signora di 86 anni. Il fatto risale al gennaio scorso e viene preceduto da un altro episodio: il 26enne, vicino di casa dell'anziana donna, si era già presentato a casa della signora chiedendo dei soldi, ricevendone in risposta un netto rifiuto. Così il rumeno, un paio di giorni dopo, decide di entrare nell'abitazione della donna introducendosi da una finestra aperta al piano terra. Una volta in casa il 26enne trascina l'anziana nella camera da letto, la colpisce al volto e la minaccia di ucciderla se non avesse rivelato dove erano custoditi i soldi. La signora, però, con le sue grida di aiuto era riuscita a spaventare il rapinatore che, prima di lasciare la casa senza portare via nulla, aveva messo a soqquadro la stanza rovistando in tutti i cassetti alla ricerca dei soldi. Il 26enne rumeno aveva agito a volto scoperto. Elemento importante per i carabinieri, per avviare le indagini e risalire al responsabile di quel tentativo di rapina. La cui fuga in Romania, grazia all'aiuto di alcuni connazionali, ne ha solo differito l'arresto, scattato quando il 26enne è tornato a San Ferdinando di Puglia convinto di averla fatta franca.
© 2001-2022 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.