Agricoltura
Agricoltura
Agricoltura

Condizionalità sociale per dare più forza a imprese e operai agricoli

L'analisi di Coldiretti sulla nuova PAC

"Con la condizionalità sociale e lo stop alle speculazioni sul prezzo dei cibi grazie all'approvazione della direttiva contro le pratiche sleali sarà data più forza alle imprese e agli oltre 100mila operai agricoli impiegati nelle campagne in Puglia". E' quanto ha affermato Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia, nel corso dell'incontro in Piazza della Libertà a Bari organizzato dalla UILA sulla condizionalità sociale, ambientale ed economica, con il legame tra diritti e aiuti nella nuova PAC, nel PNRR e nel PSR.

Sono 100mila gli operai agricoli impiegati nei campi pugliesi che danno vita al 22% delle giornate di lavoro in agricoltura sul totale nazionale – dice Coldiretti Puglia - un mercato del lavoro di grande valenza da tutelare. "La PAC è per l'agricoltura una sfida ambiziosa sulla quale pesano ancora troppe incertezze a partire dall'esigenza di garantire risorse adeguate in una situazione in cui bisogna assicurare l'approvvigionamento alimentare dei cittadini dopo lo shock nei commerci determinato dalla pandemia.

I Colegislatori e la Commissione Europea al fine di contribuire allo sviluppo di un'agricoltura socialmente sostenibile attraverso una migliore consapevolezza da parte dei beneficiari del sostegno della PAC, sugli standard occupazionali e sociali, hanno convalidato l'introduzione di un sistema di sanzioni per chi non rispetta i diritti dei lavoratori", ha spiegato il presidente Muraglia, ribadendo principi fortemente sostenuti da Coldiretti a livello europeo e sottolineando che "se nei passaggi della filiera venissero riconosciuti prezzi adeguati ai prodotti agricoli in campagna, non si sarebbero le storture che a volte rendono difficili anche i rapporti tra i datori di lavoro e i lavoratori", ha insistito Muraglia.

È necessario investire sul futuro competitivo delle imprese agricole – secondo Coldiretti Puglia - percorrendo insieme ai lavoratori l'unica strada possibile della crescita, tenendo conto dello scenario europeo. Occorre rafforzare la catena della legalità in agricoltura, minacciata e indebolita dalle distorsioni lungo la filiera, dalla distribuzione all'industria fino alle campagne, dove i prodotti agricoli sono pagati sottocosto pochi centesimi.

Una risposta tanto attesa e fortemente voluta da Coldiretti è arrivata con l'approvazione dal Consiglio dei Ministri in via definitiva, dopo il passaggio parlamentare, della direttiva Ue contro le pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera agricola e alimentare e commercializzazione dei prodotti agricoli e alimentari. Un intervento normativo fortemente sollecitato da Coldiretti per rendere più equa la distribuzione del valore lungo la filiera ed evitare che il massiccio ricorso attuale alle offerte promozionali non venga scaricato sulle imprese agricole che, in controtendenza all'andamento generale, sono le uniche ad avere avuto un calo del valore aggiunto nel terzo trimestre del 2021 per effetto del boom dei costi di produzione.

Con il nuovo provvedimento – riferisce la Coldiretti Puglia – scatta lo stop per 16 pratiche sleali che vanno dal rispetto dei termini di pagamento (non oltre 30 giorni per i prodotti deperibili) al divieto di modifiche unilaterali dei contratti e di aste on line al doppio ribasso, dalle limitazioni delle vendite sottocosto alla fine dei pagamenti non connessi alle vendite fino ai contratti rigorosamente scritti. Si realizza così – precisa la Coldiretti - un percorso virtuoso finalizzato a garantire una equa distribuzione del valore lungo tutta la filiera.

L'approvazione delle norme contro le pratiche sleali nel commercio alimentare – conclude la Coldiretti Puglia – rappresenta una svolta storica per garantire un giusto prezzo ad agricoltori ed allevatori in una situazione in cui per ogni euro speso dai consumatori per l'acquisto di alimenti meno di 15 centesimi in Italia vanno a remunerare il prodotto agricolo.
  • coldiretti puglia
Altri contenuti a tema
Crisi da Covid, in Puglia sul banco dei pegni arrivano anche i prodotti agricoli Crisi da Covid, in Puglia sul banco dei pegni arrivano anche i prodotti agricoli Il "pegno rotativo" di prodotti Dop/Igp genera prestiti da oltre 439 milioni di euro
Acqua e Consorzi di Bonifica, "In Puglia persi 968 milioni di opportunità" Acqua e Consorzi di Bonifica, "In Puglia persi 968 milioni di opportunità" Incontro di Coldiretti Puglia con Marco Lacarra, segretario del PD, sui danni del commissariamento ventennale dei consorzi
Reti colabrodo in Puglia, dissesto idrico da un miliardo di euro in 6 anni Reti colabrodo in Puglia, dissesto idrico da un miliardo di euro in 6 anni L'allarme Coldiretti su segnalazione sulla condizione dei serbatoi idrici di Puglia e Basilicata
Crollo temperature, allarme gelo per verdure e ortaggi Crollo temperature, allarme gelo per verdure e ortaggi La preoccupazione di Coldiretti che sottolinea anche il problema dell'incremento dei costi
"Braccianti stranieri con vaccini non riconosciuti, a rischio i raccolti" "Braccianti stranieri con vaccini non riconosciuti, a rischio i raccolti" L'allarme Coldiretti sull'obbligo vaccinale in agricoltura che non annovera l'utilizzo di sieri stranieri come vaccini russi o cinesi
Vaccino, "Terza dose scongiura sofferenze per posti di lavoro e redditi a rischio" Vaccino, "Terza dose scongiura sofferenze per posti di lavoro e redditi a rischio" Intervento di Coldiretti Puglia in riferimento al report dell’INAIL della Puglia
"Dopo le feste, guerra alla bilancia". I consigli per ritornare in forma "Dopo le feste, guerra alla bilancia". I consigli per ritornare in forma Coldiretti stima un aumento di peso di 3kg da smaltire per i pugliesi
Il Covid dimezza il fatturato degli agriturismi, il 60% a rischio chiusura Il Covid dimezza il fatturato degli agriturismi, il 60% a rischio chiusura Coldiretti analizza l'effetto delle disdette in occasione delle festività
© 2001-2022 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.