Siccità
Siccità
Attualità

Siccità, Coldiretti chiede lo stato d'emergenza e di intervenire sugli invasi

Il caldo prima e i violenti nubifragi dopo stanno mettendo a rischio l'agricoltura della regione. La lettera dell'associazione al presidente Emiliano

L'estate pugliese si sta rivelando una stagione decisamente complicata per il comparto agricolo: le temperature altissime già da maggio e gli improvvisi nubifragi, grandinate e trombe d'aria stanno mettendo in pericolo la produzione di tutta la regione, ragion per cui Coldiretti Puglia, in una lettera urgente al presidente della regione, Michele Emiliano, ha chiesto che venga riconosciuto lo stato d'emergenza.

«Nelle campagne e nei boschi le alte temperature e l'assenza di precipitazioni hanno inaridito i terreni – è la denuncia di Coldiretti - con aree sempre più esposte al divampare delle fiamme, mentre i forti temporali, soprattutto con precipitazioni violente provocano danni poiché i terreni non riescono ad assorbire l'acqua che cade violentemente e tende ad allontanarsi per scorrimento provocando frane e smottamenti e l'acqua caduta non viene raccolta, una vera e propria emergenza per coltivazioni ed allevamenti travolti da una catastrofe climatica che si prefigura addirittura peggiore di quella del 2003 che ha decimato le produzioni agricole».

Alla carenza di piogge, si è aggiunto il grave spreco delle risorse idriche (circa l'89%) che risulta un grave problema anche per gli allevatori: «La Puglia ha il triste primato nazionale di essere la regione d'Italia dove piove meno, ma quando piove in maniera anche violenta, l'acqua non viene raccolta per la mancanza di invasi utili a conservarla, ma il fatto che la Puglia conviva da sempre con la siccità – prosegue la lettera - con oltre il 57% del territorio a rischio desertificazione, impone di non sottovalutare e minimizzare il problema, piuttosto di correre ai ripari una volta per tutte sfruttando le risorse del PNRR anche per far fronte allo stato di emergenza cronica che la nostra regione sopporta, con costi enormi a carico di tutti i settori produttivi e della popolazione stessa».

La richiesta è chiara: una rete di piccoli invasi diffusi sul territorio, senza uso di cemento e in equilibrio con i territori, per conservare l'acqua e distribuirla quando serve, oltre al completamento e il recupero di strutture già presenti, in modo da instradare velocemente il progetto complessivo e ottimizzare i risultati finali.

  • coldiretti puglia
  • siccità
Altri contenuti a tema
Inflazione e caro bollette, i sanferdinandesi tagliano gli sprechi Inflazione e caro bollette, i sanferdinandesi tagliano gli sprechi Da Coldiretti un decalogo per affrontare la situazione
Coldiretti: «Cibo voce più importante nel budget dei viaggiatori» Coldiretti: «Cibo voce più importante nel budget dei viaggiatori» Acquisti in cantine e frantoi per sei viaggiatori su dieci; al top pick your own e le 'adozioni a distanza' di ulivi e pecore
L'Oms: «Vino come le sigarette». Coldiretti Puglia non ci sta L'Oms: «Vino come le sigarette». Coldiretti Puglia non ci sta Secondo i referenti delll'organizzazione dei produttori è un paragone inopportuno e dannoso per il comparto
Coldiretti allarma sul caro cibo: «Slalom nei supermercati» Coldiretti allarma sul caro cibo: «Slalom nei supermercati» «L'inflazione sale alle stelle, 1 su 2 taglia gli acquisti»
Sos alluvioni, Coldiretti lancia un nuovo allarme per le campagne Sos alluvioni, Coldiretti lancia un nuovo allarme per le campagne «Il nuovo Parlamento approvi la legge sul consumo del suolo»
Caro spesa, Coldiretti: «Conserve fai da te per i pugliesi» Caro spesa, Coldiretti: «Conserve fai da te per i pugliesi» L'analisi dell'associazione con l'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari
«30 mila bambini pugliesi a forte rischio povertà» «30 mila bambini pugliesi a forte rischio povertà» Crisi economica, l'analisi di Coldiretti è impietosa
Coldiretti Puglia: «L'aumento delle spese mette a rischio le serre» Coldiretti Puglia: «L'aumento delle spese mette a rischio le serre» I rincari delle bollette mettono a dura prova gli imprenditori agricoli. Il peggio è atteso per l'autunno
© 2001-2022 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.