Padre Saverio Paulillo
Padre Saverio Paulillo
Religioni

Padre Saverio e la sua vita in Brasile

Il missionario si racconta sulle nostre pagine

Questa è la storia di Padre Saverio Paolillo: originario di Barletta e missionario comboniano del Cuore di Gesù in Brasile che nei giorni 8-11 giugno, ha predicato durante il Triduo e la festa del Sacro Cuore di Gesù.

Da ben 36 anni dedica la sua vita a bambini e adolescenti di strada, coinvolti nella malavita e spesso dipendenti chimici. Offre il suo aiuto anche all'interno di carceri, soprattutto minorili.

"Sono alla mia terza esperienza in Brasile: 14 anni a San Paolo, altri 14 nello stato dello Spirito Santo e attualmente mi trovo nella punta più orientale del Brasile, a Santa Rita, nello Stato della Paraíba".

Il Brasile si presenta come uno dei paesi più ingiusti al mondo: il 20% della popolazione detiene quasi l'80% delle ricchezze. "La gente è stata costretta ad emigrare verso i grandi centri urbani in cui, non trovando lavoro, né una casa, ha finito per vivere nelle favelas : grandi baraccopoli che ospitano quartieri fatiscenti, privi di sistema fognario, in cui spesso manca anche l'acqua". In questi posti difficilmente lo Stato interviene - prosegue così Padre Saverio. Esiste piuttosto uno Stato parallelo, quello dei narcotrafficanti. Lo Stato dell'illegalità che finisce per supplire le carenze dello Stato, sia a livello di sicurezza pubblica che di servizi sanitari".

In tutto questo, a pagare il prezzo maggiore sono i giovani che finiscono per diventare soldati, operai del narcotraffico. "In Brasile diciamo che il futuro di questi ragazzi è fatto da 3 C: cadeia (=prigione), cadeira de rodas (=sedia a rotelle), cemitério (=cimitero)".

Attualmente, la violenza è la più grande sfida del Brasile. Ogni anno ci sono in media 6.000 omicidi e le vittime sono per lo più giovani poveri e neri tra i 16 e i 29 anni. "Noi diciamo sempre che purtroppo sembra che i proiettili della violenza conoscano: il colore della pelle, l'indirizzo giusto e l'età".

E come se tutto questo non bastasse, ci si ritrova anche a non avere aiuto da parte delle forze dell'ordine. "C'è molta corruzione anche qui e nei casi in cui intervengono, lo fanno con estrema violenza, violando spesso i diritti altrui o provocando la morte di innocenti".
  • Chiesa cattolica
Altri contenuti a tema
Diocesi in festa, il diacono Paolo Spera sarà ordinato sacerdote Diocesi in festa, il diacono Paolo Spera sarà ordinato sacerdote L'ordinazione si terrà a Trani l'11 settembre
Padre Saverio: "Una carica di umanità in mezzo a tanta bruttura" Padre Saverio: "Una carica di umanità in mezzo a tanta bruttura" Si conclude la nostra intervista al missionario
Don Alberto Ravagnani, la star dei social fa tappa in diocesi Don Alberto Ravagnani, la star dei social fa tappa in diocesi L'intervista rilasciata al nostro giornale
Corpus Domini, le parrocchie tornano ad unirsi Corpus Domini, le parrocchie tornano ad unirsi Don Mimmo Marrone: "È il segno del sacramento di unità"
Chiesa cittadina, nuovi incarichi per sacerdoti e seminaristi Chiesa cittadina, nuovi incarichi per sacerdoti e seminaristi Lo ha reso noto la diocesi in una nota
1 In diretta sul network Viva la Festa dei Santi Medici di Bitonto In diretta sul network Viva la Festa dei Santi Medici di Bitonto Due collegamenti per vivere dal vivo i momenti più suggestivi della processione
Incontro sulla fratellanza: religioni, pace e convivenza umana Incontro sulla fratellanza: religioni, pace e convivenza umana A San Ferdinando di Puglia
1 Il seminarista Paolo Spera diventa accolito Il seminarista Paolo Spera diventa accolito Il ministero sarà conferito nella celebrazione di domenica
© 2001-2021 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.