Screenshot
Screenshot
Cronaca

Rubano auto e provocano un incidente: pomeriggio di follia al confine con Cerignola

Uno dei complici scaricato davanti al pronto soccorso

Una scena da film poliziesco, con tanto di auto rubate in fiamme. È quanto accaduto nel primo pomeriggio sulla strada provinciale 62 al confine fra i territori di Trinitapoli e Cerignola. Responsabile una banda formata da almeno tre persone. Secondo quanto accertato dalla direzione anticrimine di Bari e dagli agenti della Polizia locale, il pomeriggio di follia avrebbe avuto inizio a San Ferdinando di Puglia con il furto di un'auto spinta da un'altra macchina risultata lo stesso rubata con a bordo due persone, poi la corsa verso Cerignola. A un bivio nelle campagne di Trinitapoli i malfattori si sono scontrati con un'altra macchina che viaggiava in senso opposto finita in fiamme nell'impatto, l'autista è ferito ma non in grave condizioni. Alla scena ha assistito un quarto automobilista che si è fermato a prestare soccorso. Un gesto però che ha pagato a caro prezzo: la sua auto è stata rubata dalla banda e utilizza per scaricare uno dei complici ferito davanti al pronto soccorso dell'ospedale di Cerignola, poi trasportato in gravi condizioni agli Ospedali riuniti di Foggia, e successive far perdere le proprie tracce. Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco e il soccorso stradale Ciccolella che ha rimesso le carcasse delle auto dalla strada. Gli agenti del commissariato di Cerignola hanno acquistato le immagini dell'impianto di videosorveglianza per risalire a chi ha accompagnato il giovane davanti al pronto soccorso e hanno avviato le indagini.
ScreenshotScreenshotScreenshotScreenshotScreenshotScreenshot
  • Ivan Scalfarotto
Altri contenuti a tema
Scalfarotto: «Basta tabù, apriamo le porte a ricerca, istruzione e tecnologia anche in Agricoltura» Scalfarotto: «Basta tabù, apriamo le porte a ricerca, istruzione e tecnologia anche in Agricoltura» Il candidato presidente dichiara: «Con noi la Regione punterà su formazione e ricerca»
2 Scalfarotto: «Sgravi fiscali del Governo fondamentali per la Puglia» Scalfarotto: «Sgravi fiscali del Governo fondamentali per la Puglia» Il candidato alla presidenza della Regione: «Esecutivo accoglie nostre proposte. Ripartenza del Sud passa da servizi e infrastrutture»
3 Carlo Calenda, sì a Scalfarotto e no ad Emiliano: «Tra i peggiori populisti» Carlo Calenda, sì a Scalfarotto e no ad Emiliano: «Tra i peggiori populisti» Il leader di Azione: «Il governo? Bravissime persone, ma semplicemente non hanno mai gestito nulla»
Scalfarotto: «La disfatta sulle donne segna la fine dell'esperienza politica di Emiliano» Scalfarotto: «La disfatta sulle donne segna la fine dell'esperienza politica di Emiliano» Il candidato presidente per Italia Viva, Azione e +Europa, commenta l'esito dell'ultimo consiglio regionale
1 Puglia, Scalfarotto: «La lotta alla mafia è la prima delle nostre priorità» Puglia, Scalfarotto: «La lotta alla mafia è la prima delle nostre priorità» Il candidato governatore: «La politica pugliese smetta di voltare lo sguardo dall'altra parte»
2 Scalfarotto: «I ristoratori vanno aiutati. Dobbiamo difendere migliaia di posti di lavoro» Scalfarotto: «I ristoratori vanno aiutati. Dobbiamo difendere migliaia di posti di lavoro» Il candidato presidente della regione Puglia commenta la dichiarazioni della vice Ministra Castelli
Scalfarotto su bonus Start: «Ritiriamolo, servono procedure chiare e semplici per tutti» Scalfarotto su bonus Start: «Ritiriamolo, servono procedure chiare e semplici per tutti» Il candidato governatore: «I professionisti pugliesi e la Puglia tutta meritano di meglio»
4 Regionali 2020, Scalfarotto: «Emiliano e i 5Stelle sono la stessa cosa» Regionali 2020, Scalfarotto: «Emiliano e i 5Stelle sono la stessa cosa» Il candidato governatore: «Noi abbiamo visione opposta della Puglia»
© 2001-2020 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.