Piazza San Ferdinando
Piazza San Ferdinando
Cronaca

Rubano rame e ottone da portoni e facciate, la segnalazione dei cittadini

«Una storia che va avanti da diverso tempo»

La segnalazione è arrivata direttamente dai cittadini. «Maniglie dei portoni e supllettili in rame e ottone staccati e portati via». Accade a San Ferdinando di Puglia «quasi ogni notte», ci dicono. Non si sa chi agisce, con ogni probabilità un gruppo ben attrezzato che poi rivende il materiale sul mercato nero. Un po' come accade per il ferro. I pluviali in rame rubati dalla facciata dell'ex Palazzo di Città che ospita in Museo Civico è solo l'ultimo degli esempi. La scorsa estate furono sorpresi due 30enni del posto, un ragazzo e una ragazza, con addosso uno zaino contenente oggetti staccati dai portoni d'ingresso di palazzine private. Episodi che presi singolarmente possono significare poco, ma nell'insieme fruttano non pochi soldi. Il rame ha un prezzo di mercato che oscilla dai 50 centesimi / 1 euro al chilo se in pessimo stato fino a 8 euro se di ottima qualità e conservato bene. Più bassi prezzi dell'ottone, da 1 a 2 euro, a seconda delle qualità di rame e di zinco presenti. Chi opera in questo settore molte volte si spinge anche a rubare persiane e porte per balconi in alluminio. I cittadini sono stanchi di subire questi che sono dei veri furti e chiedono che vengano presi provvedimenti.
  • Ordine degli Ingegneri
Altri contenuti a tema
Perquisizioni e controlli sul territorio ofantino Perquisizioni e controlli sul territorio ofantino Impiegati uomini e mezzi della Polizia di Stato
Ufficio Genio Civile di Barletta, «ritardi e problemi organizzativi» Ufficio Genio Civile di Barletta, «ritardi e problemi organizzativi» Nota congiunta dell'Ordine degli Ingegneri, dell’Ordine degli Architetti e del Collegio professionale dei Geometri e Geometri laureati
© 2001-2021 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.