Dormitorio Barletta
Dormitorio Barletta
Attualità

I profughi della Diciotti saranno ospitati in Diocesi

In arrivo tre migranti presso la Caritas di Barletta

Tre profughi imbarcati sulla nave Diciotti (assieme a circa 140 migranti la maggior parte di origine eritrea, tutti tenuti su quella nave per alcuni giorni su disposizione del ministro degli interni Salvini senza potervi scendervi; e poi sbarcati quando la CEI, l'Albania e l'Irlanda hanno preso l'impegno di accoglierli nelle proprie strutture) arriveranno a Barletta il 5 settembre, ospitati nel dormitorio della Caritas cittadina in via Manfredi.

La conferma è arrivata ieri sera a Lorenzo Chieppa, direttore della Caritas di Barletta, che, nei giorni scorsi, a seguito di intesa con l'arcivescovo mons. Leonardo D'Ascenzo, don Raffaele Sarno, direttore della Caritas diocesana, ha fatto pervenire alla Caritas nazionale la disponibilità ad accogliere tre dei quasi cento migranti presi in carico dalla Conferenza episcopale italiana a seguito con un accordo con il Viminale, mentre gli altri della Diciotti sono stati accolti da diverse diocesi italiane.

"Posso dire che – spiega Lorenzo Chieppa – l'arcivescovo Leonardo D'Ascenzo, don Raffaele ed io siamo soddisfatti per l'attribuzione dei tre migranti per quello che per noi è un servizio di solidarietà che la Caritas verso tutti, soprattutto verso italiani che vivono nel disagio. Le risorse per questo servizio di accoglienza saranno reperite dai fondi dell'otto per mille che la CEI ha messo a disposizione; ma si fa presente anche l'attenzione e la generosità di tanti sensibili al problema".
  • Immigrati
Altri contenuti a tema
Migranti, la posizione del MEIC della Diocesi: «Non tacere dinanzi al clima di odio e xenofobia» Migranti, la posizione del MEIC della Diocesi: «Non tacere dinanzi al clima di odio e xenofobia» L'intervento del Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale
"Progetto presidio", un protocollo d'intesa contro lo sfruttamento della manodopera migrante "Progetto presidio", un protocollo d'intesa contro lo sfruttamento della manodopera migrante Accordo tra Caritas diocesana e CGIL
«Immigrazione, criminalità, disoccupazione», blitz di Forza Nuova a San Ferdinando «Immigrazione, criminalità, disoccupazione», blitz di Forza Nuova a San Ferdinando Sotto accusa la prefettura di Foggia: «Immobilità e silenzio allucinanti»
Prefettura affida immigrati a San Ferdinando, nuovi arrivi Prefettura affida immigrati a San Ferdinando, nuovi arrivi Don Mimmo: «Fratelli nelle mani dei mercanti di carne»
© 2001-2018 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.