Media e stereotipi di genere Consigliera di Parità della BAT
Media e stereotipi di genere Consigliera di Parità della BAT
Eventi e cultura

Media e Stereotipi di Genere, Debbi: «Una rivoluzione culturale»

Incontro-dibattito organizzato dalla Consigliera di Parità della Provincia BAT

Stereotipi da combattere pensando ad una nuova cultura di genere nella quale non si abbiano dubbi su come denominare un'avvocata o una magistrata, una nuova cultura della quale devono esser consapevoli le donne e gli uomini in egual misura, una nuova cultura che parte dalla necessità di educare sin dalla tenera età. Si è parlato di informazione, di pubblicità, di media, di genere ed, appunto, degli stereotipi in un incontro promosso dalla Consigliera di Parità della Provincia di Barletta Andria Trani, Stefania Campanile, dal titolo "Media e Stereotipi di Genere". Titolo esplicativo che ha visto i qualificati interventi di Pina Debbi, Vicedirettrice del Tg di La7 e di Giuseppe Inchingolo dell'Agenzia Artsmedia, moderati dal direttore de La Gazzetta Meridionale Vittorio Massaro.

«Questa serata è nata dall'intenzione di voler favorire un dibattito sul modo in cui i media si servono dello stereotipo di genere per indurre l'utente al consumo - ha detto Stefania Campanile, Consigliera di Parità della BAT - questo nel campo della pubblicità, ma ci rendiamo conto di come espressioni inappropriate vengano utilizzate anche dalla carta stampata nel momento in cui si parla di delitti contro le donne. Ed è evidente come si vadano a cristallizzare quelle differenze culturali che sono alla base dei rapporti sbilanciati tra uomini e donne». Una serata particolarmente apprezzata dai presenti all'interno della Biblioteca "G. Ceci" di Andria, in cui una lunga carrellata di pubblicità, termini e copertine di giornali, ha permesso di fotografare una situazione che è ancora lontana dall'esser raccontata nella normalità.

«Faccio un gioco se io dico un governante si pensa ad una persona che gestisce i governi, se io dico una governante si pensa ad una cameriera. La risposta agli stereotipi è tutta qui». Ha iniziato così il suo intervento Pina Debbi, Vicedirettrice del Tg La7: «Molto spesso, nel campo dell'informazione, siamo noi stessi a veicolare una serie di stereotipi che dovrebbero meritare più attenzione. Ho fatto l'esempio della governante, ma molto spesso capita anche a noi quando ci troviamo di fronte ad un linguaggio tipicamente al maschile, non riusciamo a declinarlo al femminile. Però è giusto cominciare a dire, a chiedersi come si debba dire, perchè dobbiamo cominciare a cambiarle le parole, perchè dobbiamo uscire da una serie di stereotipi che abbiamo interiorizzato da sempre e questo deve essere il compito dell'informazione».

Durante l'incontro non si è cercata una ricetta sicura su come migliorare questo approccio, ma da più parti, durante il dibattito, è emersa la necessità di cominciare a muovere i primi passi verso regole certe ed anche una formazione costante sin dalla tenera età: «Culturalmente per cambiare i termini io non ho ancora la ricetta - ha ribadito Pina Debbi - per quel che mi riguarda ho la possibilità di sovraintendere ad una redazione e spesso faccio notare quello che posso ai miei colleghi. Io credo che andrebbero fatte campagne di sensibilizzazione anche nelle scuole, perchè è importante che fin da bambini non sia interiorizzato lo stereotipo, perchè lo stereotipo non è scritto nel DNA ma poco ci manca, ma dobbiamo essere convinti anche noi che questa è una necessità».

Diversi anche gli interventi istituzionali con in testa il Sindaco di Andria, Nicola Giorgino e la consigliera delegata alle Politiche Sociali della Provincia di Barletta Andria Trani, Antonia Spina: «Educare e formare. Partire dai più piccoli per sperare in un futuro migliore - ha detto Tonia Spina - La disparità di trattamento tra uomo e donna nella pubblicità, in televisione e nelle istituzioni si combatte e si sconfigge solamente se si forma una coscienza alla ricchezza della diversità e se si formano gli individui al rispetto della persona. Per questo è necessario il coinvolgimento delle scuole. Gli argomenti di questo convegno andrebbero riportati, nelle forme e nei modi più opportuni, al centro della formazione, a partire dai più piccoli. Assistiamo, ormai quasi con indifferenza, agli abusi che da più parti si fa della figura e del corpo della donna. Sembriamo assuefatti alla sovraesposizione mediatica di corpi seminudi, atteggiamenti ammiccanti e pose volgari. Noi cittadini abbiamo il dovere di ribellarci e risvegliare le coscienze nostre e delle persone che ci sono vicine».

Fotogallery e video su AndriaViva.it
  • provincia bat
Altri contenuti a tema
Sottoscritto il Protocollo della "Gentilezza" nella Bat Sottoscritto il Protocollo della "Gentilezza" nella Bat D'Alterio: "L'obiettivo è avviare una riflessione su temi come il benessere organizzativo, l'etica e la legalità"
Elezioni provinciali Bat, consegnate le liste: si rinnova il consiglio Elezioni provinciali Bat, consegnate le liste: si rinnova il consiglio Il 17 marzo si sceglieranno i nuovi consiglieri provinciali
Bat, sottoscritto il protocollo d'intesa per favorire le pari opportunità Bat, sottoscritto il protocollo d'intesa per favorire le pari opportunità Il documento è stato firmato dall'ufficio della consigliera di parità e dall'Ispettorato del lavoro
I sindaci della Bat firmano un documento a favore degli agricoltori I sindaci della Bat firmano un documento a favore degli agricoltori Presente anche Camporeale
Cozzoli: «Ringrazio Lodispoto ma rinuncio per rispetto dei consiglieri» Cozzoli: «Ringrazio Lodispoto ma rinuncio per rispetto dei consiglieri» Rimessa la delega a Patrimonio e Bilancio
Marchio Rossi e Di Noia nominati vicepresidenti della Bat Marchio Rossi e Di Noia nominati vicepresidenti della Bat La comunicazione del presidente Lodispoto
Elezioni provinciali Bat, domani si vota per il nuovo presidente Elezioni provinciali Bat, domani si vota per il nuovo presidente Il seggio dalle 8:00 alle 20:00 nella vecchia sede dell'Università LUM di Trani
La Puglia tra “bellavita e malavita”, la provincia Bat fra le peggiori d’Italia in cui vivere La Puglia tra “bellavita e malavita”, la provincia Bat fra le peggiori d’Italia in cui vivere Valutati parametri come lavoro, ambiente, sicurezza e sanità nella classifica di ItaliaOggi e Università “La Sapienza” di Roma
© 2001-2024 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.