Progetti architetti ingegneri
Progetti architetti ingegneri
Enti locali

Aree urbane degradate, un bando per gli enti da 200 milioni

Proposte entro il 30 novembre prossimo con progetti preliminari

E' partito il "Piano nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate" un bando, voluto dal Governo Renzi, che mette in palio quasi 200 milioni per gli enti. Per ogni progetto si potrà ricevere da un minimo di 100mila euro a un massimo di 2 milioni. Se il progetto ha un valore maggiore e la richiesta riguarda un cofinanziamento devono essere indicate le somme di cui già si dispone. La principale novità riguarda la possibilità di concorrere al bando anche con progetti di riqualificazione (edilizia o urbana) di livello preliminare. Se poi l'amministrazione ha un livello di progettazione più avanzato - definitivo o esecutivo - ci sarà un riconoscimento in termini di punteggio. I progetti vanno presentati entro il prossimo 30 novembre.

Per concorrere al bando i progetti dovranno ricadere all'interno di aree urbane degradate. La definizione di "area urbana degradata" deriva da un punteggio sintetico che tiene conto di quattro indicatori: tasso di disoccupazione, tasso di occupazione, tasso di concentrazione giovanile, tasso di scolarizzazione. L'indice deve essere superiore alla media nazionale. I riferimenti sono quelli dell'ultimo censimento Istat. C'è poi anche un indice di "disagio edilizio". Anche in questo caso la situazione di disagio edilizio - riferita a edifici residenziali in stato di conservazione "pessimo" e "mediocre" - dovrà essere peggiore della media nazionale.

Nel progetto, naturalmente dovranno essere indicati nel dettaglio gli obiettivi di miglioramento che si vogliono raggiungere: culturale, sociale e di riqualificazione urbana. L'ambito di intervento spazia tra i servizi di accoglienza ai giovani, al miglioramento di beni pubblici ma anche alla cura di bambini e anziani, sino ad arrivare all'imprenditoria giovanile ed al decoro urbano. I progetti di riqualificazione non devono prevedere consumo aggiuntivo di suolo. Il bando cerca anche di favorire l'aggregazione tra gli enti. A parità di punteggio, infatti, saranno premiati i progetti promossi da comuni in forma aggregata. Il singolo comune, inoltre, non può presentare lo stesso progetto per conto proprio e anche in forma aggregata con altri enti locali.
  • bando
Altri contenuti a tema
Asilo nido comunale, il Comune cerca gestori del servizio Asilo nido comunale, il Comune cerca gestori del servizio Il bando di gara per l'affidamento in concessione
Regione Puglia cerca 126 operatori telefonici Regione Puglia cerca 126 operatori telefonici Tutti i dettagli dell'avviso pubblico per la centrale operativa del servizio Numero Unico dell'Emergenza 112
Affitto casa, c'è il bando per i contributi Affitto casa, c'è il bando per i contributi È possibile inoltrare richiesta sino al primo ottobre
Corsi per OSS. Al via il bando Corsi per OSS. Al via il bando Presentazione delle domande dal 19 febbraio al 6 marzo
Giovani in agricoltura, il bando illustrato in Fiera del Levante Giovani in agricoltura, il bando illustrato in Fiera del Levante Di Gioia: «Ritorno alla terra come grande opportunità sia economica sia sociale»
Lotta alla povertà, San Ferdinando capofila del progetto Lotta alla povertà, San Ferdinando capofila del progetto In arrivo oltre 623mila anche per Trinitapoli e Margherita di Savoia
Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione, opportunità anche in Puglia Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione, opportunità anche in Puglia Le candidature dovranno pervenire entro le 12 dell'8 marzo prossimo
Imprenditoria al femminile: in partenza un bando dello Sviluppo Economico Imprenditoria al femminile: in partenza un bando dello Sviluppo Economico Agevolazioni per imprese di micro e piccola dimensione a partire dal 13 gennaio
© 2001-2022 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.