Medicina
Medicina
Attualità

Assistenza domiciliare, Cgil chiede un confronto alla Regione

Con l'intesa Stato-Regioni a disposizione 4 miliardi di euro del Piano di ripresa e resilienza

L'intesa firmata tra Stato e Regioni che ha messo a disposizione 4 miliardi di euro dal Piano di ripresa e resilienza per le cure domiciliari, e ha definito un protocollo che affida tutta la gestione alle Regioni, è una buona notizia purché si attivino al più presto tavoli di confronto a livello territoriale per programmare al meglio un servizio fondamentale per migliaia di cittadini pugliesi, non autosufficienti o affetti da gravi patologie.

È il commento del segretario generale della Cgil Puglia, Pino Gesmundo.

Un servizio essenziale per sostenere le persone destinatarie dell'assistenza domiciliare e le loro famiglie, utile anche per evitare ospedalizzazioni non necessarie e che appesantiscono le strutture sanitarie. Un servizio che in Puglia è assicurato solo al 2% degli anziani e che nella fase dell'emergenza pandemica si è praticamente azzerato. Parliamo di assistenza infermieristica, visite specialistiche, esami, fisioterapia e riabilitazione che interessano persone affette da malattie croniche o chi ha necessità a seguito di privazione temporanea.

Chiediamo alla Regione di riprendere quanto prima il tavolo di confronto socio sanitario anche alla luce dell'intesa Stato-Regioni e affrontare il tema dell'Adi. Anche perché nell'accordo si prevedono anche i requisiti per l'accreditamento di privati e vorremmo evitare che nell'aggiudicazione del servizio a qualcuno possa venire in mente di scaricare i costi d'impresa sul lavoro e le professionalità necessarie per svolgere questo delicato e fondamentale strumento di assistenza sanitaria. Vanno rispettati i contratti collettivi di settore, le figure professionali adibite e tutte le specifiche connesse alla particolarità del servizio. Anche a garanzia della qualità dell'intervento che andrà assicurato ai pazienti. Motivo per cui sollecitiamo la Regione Puglia a un confronto urgente, conclude il segretario generale della Cgil Puglia.
  • Cgil
Altri contenuti a tema
Assalto alla CGIL, oggi aperta per solidarietà la sede di San Ferdinando di Puglia Assalto alla CGIL, oggi aperta per solidarietà la sede di San Ferdinando di Puglia Apertura delle sedi in tutta Italia
Stragi nei luoghi di lavoro, i sindacati incontrano il Prefetto della Bat Stragi nei luoghi di lavoro, i sindacati incontrano il Prefetto della Bat Cgil, Cisl e Uil hanno tenuto presidio sotto il palazzo di governo
Superamento del precariato, «Una battaglia di civiltà per il lavoro stabile e di qualità» Superamento del precariato, «Una battaglia di civiltà per il lavoro stabile e di qualità» «Dimostrare coerenza delle affermazioni»
Caporalato, approvato un piano nazionale Caporalato, approvato un piano nazionale Flai e Cgil Bat: “Il percorso è quello giusto”
Reddito di cittadinanza, D’Alberto (Cgil): «Comuni stanno attivando PUC?» Reddito di cittadinanza, D’Alberto (Cgil): «Comuni stanno attivando PUC?» Nella provincia Bat sono 5mila circa i percettori
La storia dei fratelli Cervi raccontata da un figlio ai giovani La storia dei fratelli Cervi raccontata da un figlio ai giovani Una iniziativa organizzata da Flc Cgil e Anpi
Sardine nella Bat, interverrà segretario provinciale Cgil D’Alberto Sardine nella Bat, interverrà segretario provinciale Cgil D’Alberto Sabato 25 gennaio per parlare di democrazia a Costituzione
Lavoro nero nella Bat all'82 percento. Il tasso più alto della Puglia Lavoro nero nella Bat all'82 percento. Il tasso più alto della Puglia D'Alberto della Cgil: "Servono presidi ispettivi contro quest'altro triste primato"
© 2001-2021 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.