Mostra Staffa Dell'Aquila
Mostra Staffa Dell'Aquila
Manifestazioni

"Com'eri vestita?": una mostra per sensibilizzare sul tema della violenza sulle donne

Si conclude oggi la manifestazione dell'istituto Dell'Aquila - Staffa

Si concluderà quest'oggi la mostra What were you wearing? (Com'eri vestita?) allestita nell'istituto Dell'Aquila - Staffa di San Ferdinando di Puglia per sensibilizzare sul tema della violenza sulle donne.

Il taglio del nastro, martedì scorso, ha visto la presenza del sindaco Salvatore Puttilli e dell'assessore Arianna Camporeale oltre che ai rappresentanti dell' osservatorio Giulia e Rossella centro antiviolenza onlus i.s. : la dott.ssa Maria GIulia Distasi (responsabile ufficio di piano), la dott.ssa Rosa Campese (referente CAV) e Tina Arbues (presidente dell' Osservatorio).

Una mostra aperta al pubblico e in particolar modo agli studenti.

" È un evento che noi stiamo replicando. È infatti una mostra che nasce dall'America e si traduce poi nell'italiano, che segue la nostra cultura e i nostri casi italiani - spiega l'educatrice del centro Rossana Piccolo - Lo abbiamo messo in atto nelle scuole, perché il centro antiviolenza non è soltanto un luogo fisico, è anche e soprattutto prevenzione e e sensibilizzazione, con l'obiettivo che sempre meno donne abbiano bisogno di rivolgersi a noi. È tutto questo lo si può fare soltanto invertendo la cultura in essere".

Il titolo prende il nome da una delle domande più frequenti e scomode fatte alle donne vittime di violenza, come se l'abbigliamento indossato colpevolizzasse in qualche modo la donna.

La mostra si compone infatti di 17 abiti indossati dalle donne vittime al momento della violenza, accompagnati dai racconti delle stesse. Una particolarità risalta all'occhio, quegli stessi abiti: non succinti, non corti, non provocanti, semplicemente un pigiama, un tubino nero, un maglione, un tailleur indossato da una donna cieca.

"E anche se fosse?" controbatte l' educatrice . "Per quale motivo una donna non dovrebbe o potrebbe indossare una mini gonna o un abito succinto? - Continua - questo pregiudizio è dovuto a una società maschilista, in cui si pensa che l'uomo sia più forte e debba di conseguenza decidere, anche per conto della donna stessa."

Con la prospettiva che la violenza contro una donna sia perpetrata prevalentemente da sconosciuti, le nostre esperte del centro ci dimostrano , con statistiche alla mano , che non è poi così vero.
"La percentuale più alta riguarda donne violentate dai propri partner. Nessun orco incontrato per strada, bensì uno con cui convivi", afferma la referente del CAV Rosa Campese durante l'intervento all'inaugurazione.

Le donne vittime di violenza giungono al centro non per cambiare la propria situazione , ma per comprendere in che situazione si trovano.
"La stragrande maggioranza delle persone che si rivolgono a noi alla fine interrompono il percorso. Ma la cosa importante che un'operatrice del centro antiviolenza deve fare è rispettare i tempi, i modi e le scelte di una donna. Infatti, generalmente ritornano – continua l'educatrice . Il nostro compito è quello di prepararle, rendendole consapevoli di quello che hanno vissuto. Le aiutiamo a ricostruire la loro storia, così da renderle preparate alla denuncia, alle domande che verranno poste loro (tra cui: com'eri vestita?), all'eventuale processo che seguirà.

All'interno del centro le donne imparano a conoscere altre forme di violenza che vanno oltre quella fisica (percosse, schiaffi…), come quella psicologica (non puoi uscire con i tuoi amici! Sei solo mia! Fammi controllare il tuo cellulare!) e viene garantito loro il totale anonimato e riservatezza.

E in una società in cui, spesso, gli obiettivi dei centri antiviolenza vengono minimizzati e giudicati, Rossana Piccolo ci spiega come questa cultura pian piano stia regredendo.
"Fino a poco tempo fa venivamo chiamate le sfascia famiglie. Ma una famiglia è un posto in cui c'è amore, in cui ci si sente al sicuro. La violenza non fa famiglia. Ma per fortuna anche questa cultura si sta destrutturando" - conclude l'educatrice.

La cultura si costruisce in maniera molto lenta. Le donne e gli uomini sono stati istruiti a svolgere un determinato ruolo. "Cambiare il modo di pensare fa paura, spaventa, destabilizza, rimette tutto in discussione, richiede quindi tanta pazienza, attenzione e cura"- afferma fermamente l'educatrice Piccolo.
Violenza sulle donne
  • Violenza
  • centro antiviolenza
Altri contenuti a tema
Il murale del maestro Borgiac dedicato alle donne Il murale del maestro Borgiac dedicato alle donne Le farfalle come simbolo di libertà nella Giornata contro la violenza sulle donne
"Non lavartene le mani" la campagna regionale anche nelle farmacie di San Ferdinando "Non lavartene le mani" la campagna regionale anche nelle farmacie di San Ferdinando Iniziativa di contrasto alla violenza contro le donne e di sensibilizzazione alla denuncia e alla prevenzione
Stop alla violenza contro le donne, le iniziative a San Ferdinando di Puglia Stop alla violenza contro le donne, le iniziative a San Ferdinando di Puglia Organizzate dall'Ambito Tavoliere Meridionale, Comune e Centro Antiviolenza Osservatorio Giulia e Rossella
“Com’eri vestita?”, la mostra contro la violenza sulle donne “Com’eri vestita?”, la mostra contro la violenza sulle donne Il programma dell'inaugurazione di martedì 19 ottobre
San Ferdinando ospita la mostra "Com'eri vestita?", contro violenza e pregiudizi San Ferdinando ospita la mostra "Com'eri vestita?", contro violenza e pregiudizi La mostra itinerante contro gli stereotipi che colpevolizzano le vittime di stupri
NO alla violenza sulle donne, una convenzione e una serata di sensibilizzazione NO alla violenza sulle donne, una convenzione e una serata di sensibilizzazione San Ferdinando di Puglia, Trinitapoli e Margherita di Savoia insieme contro la violenza
Centro antiviolenza "Giulia e Rossella", lunedì la firma della convenzione con l'ATM Centro antiviolenza "Giulia e Rossella", lunedì la firma della convenzione con l'ATM In serata uno spettacolo per celebrare l'evento
Gessica Notaro, testimonial a San Ferdinando contro la violenza di genere Gessica Notaro, testimonial a San Ferdinando contro la violenza di genere Sarà interprete dello spettacolo teatrale “La Forza delle Donne” di mercoledì 22 luglio
© 2001-2021 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.