Ospedale
Ospedale
Territorio

Pnrr, 631 milioni per la salute in Puglia. D’Alberto: “Quanti ospedali di comunità nella Bat?”

Il segretario generale della Cgil Bat esamina la situazione dei fondi sulle reti di prossimità previsti dal piano nazionale di ripresa e resilienza

"La pandemia ha evidenziato una significativa disparità territoriale nell'erogazione dei servizi, in particolare in termini di prevenzione ed assistenza sul territorio, un'inadeguata integrazione tra servizi ospedalieri e servizi sociali, tempi di attesa elevati per l'erogazione di alcune prestazioni.

La Missione 6 sulla salute del PNRR, ha previsto 7 miliardi sulle reti di prossimità, di cui 631 milioni per la Puglia. Risorse che dovrebbero servire a rafforzare le prestazioni da erogare sui territori, con la creazione di strutture e presidi territoriali come le Case di Comunità e gli Ospedali di Comunità, il rafforzamento dell'assistenza domiciliare, lo sviluppo della Telemedicina ed una più efficace integrazione con tutti i servizi socio-sanitari, in raccordo con la rete ospedaliera". Il segretario generale della Cgil Bat, Biagio D'Alberto, esamina la situazione dei fondi sulle reti di prossimità previsti dal Pnrr, il piano nazionale di ripresa e resilienza preparato dall'Italia per rilanciarne l'economia dopo la pandemia di COVID-19, al fine di permettere lo sviluppo verde e digitale del Paese.

"Questa condizione è nota alle Regioni già dalla fine di aprile. Così come era nota anche la tempistica sulla predisposizione dei progetti per intercettare i finanziamenti, nel rispetto dei tempi che l'Europa ci impone. A monte di tutto, la logica richiederebbe che ci fosse la programmazione di un piano sanitario regionale, in accordo con i territori che veda prevalere l'intreccio tra rete ospedaliera e reti di prossimità. Ma a prevalere è il nulla. Non c'è al momento nessun disegno organico su come far viaggiare la sanità in Puglia.

Certo, c'è stata la presentazione di alcuni progetti sulla medicina, sta emergendo la predisposizione di alcune idee - progetto (con molto affanno), da parte delle Asl Bari, Brindisi, Lecce e Taranto che assorbirebbero poco più della metà delle risorse messe a disposizione. Ma non sappiamo se raggiungeranno la meta. La Asl/Bt ci sembra che non sia pervenuta.

Si prevederebbe qualche sovrapposizione tra gli attuali Presidi territoriali di assistenza ed i nuovi ospedali di comunità. Quasi certamente si invocherà l'emergenza dei tempi per eludere il confronto, quando queste cose erano note già ad aprile. Si dirà che non ci sono tecnici e progettisti per un'appropriata programmazione. Il tema su cui ragionare è che si sta disegnando la sanità territoriale dei prossimi anni e non solo le organizzazioni sindacali sono state coinvolte, ma da quello che emerge neanche i sindaci stiano toccando palla sulla dislocazione delle 120 case di comunità e dei 31 ospedali di comunità spettanti ai comuni pugliesi, insieme alla telemedicina ed al rafforzamento dell'assistenza domiciliare.

Quanti ospedali di comunità e case di comunità sono previsti nella Bat? Hanno i sindaci di questa provincia la percezione di cosa sta succedendo? Viene lo sconforto nel vedere come questioni così rilevanti per la vita dei cittadini e delle nostre comunità si stiano consumando con un grado di così spaventosa approssimazione, senza alcun coinvolgimento dei territori e con il rischio di perdere le tante risorse disponibili", conclude D'Alberto.
  • cgil bat
Altri contenuti a tema
Geografia del caporalato, la presentazione del progetto della Cgil Geografia del caporalato, la presentazione del progetto della Cgil Venerdì 20 maggio l'incontro con gli studenti di Margherita di Savoia per sensibilizzarli ai temi dell'illegalità e dello sfruttamento
Questione Sanitaservice, incontro Cgil-Asl Bt Questione Sanitaservice, incontro Cgil-Asl Bt L'azienda e l'organizzazione sindacale si sono ripromesse un confronto serrato a cadenza mensile per affrontare le diverse problematiche
Manifestazione della Cgil davanti alla sede della Asl Manifestazione della Cgil davanti alla sede della Asl Ileana Remini: «Gli impegni non possono essere disattesi, servono risposte certe subito»
Riglietti: «Alle aziende agricole della Bat non piace la rete del lavoro agricolo di qualità» Riglietti: «Alle aziende agricole della Bat non piace la rete del lavoro agricolo di qualità» La nota del segretario generale della categoria, che sottolinea i pochi iscritti
Iniziativa unitaria di Cgil, Cisl e Uil per il Primo Maggio nella Bat Iniziativa unitaria di Cgil, Cisl e Uil per il Primo Maggio nella Bat L'appuntamento al Parco dell'Umanità di Barletta
Calano gli occupati in agricoltura nella Bat Calano gli occupati in agricoltura nella Bat Gli iscritti ai registri sono 577 in meno nel 2021 rispetto all'anno precedente. Riglietti (Flai Cgil): «I conti non tornano»
La Cgil ottiene la maggioranza nelle elezioni delle Rsu nella Bat La Cgil ottiene la maggioranza nelle elezioni delle Rsu nella Bat Alle elezioni per le rappresentanze sindacali, ottimo il dato sull'affluenza. Si attende il voto del comparto sanitario
Donne e lavoro, Remini: "Nella Bat Oss e lavoratrici senza stabilizzazione" Donne e lavoro, Remini: "Nella Bat Oss e lavoratrici senza stabilizzazione" La segretaria generale della Fp Cgil Bat accende i riflettori sul gender pay GAP e sull’assenza di servizi e asili nido
© 2001-2022 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.