Cimitero di auto
Cimitero di auto
Cronaca

Scoperto cimitero di auto nelle campagne tra Canosa e San Ferdinando di Puglia

Alcune vetture erano già state cannibalizzate

Negli ultimi giorni è stata predisposta un'ulteriore intensificazione dei servizi di controllo del territorio allo scopo di contrastare furti di autovetture nell'area del fiume Ofanto, a Canosa di Puglia, al confine con l'agro di S.Ferdinando di Puglia e di Barletta, zona spesso utilizzata per nascondere e quindi smontare auto rubate in tutto il territorio pugliese.

Nella giornata di ieri personale del Commissariato di P.S. di Canosa di Puglia nel perlustrare l'area ofantina, ricorrendo all'utilizzo dei droni, ha rinvenuto e sequestrato 18 auto rubate, già in parte disarticolate e in parte ancora integre, alcune già schiacciate sotto la pressa, nonché numerosi pezzi e ricambi di auto destinati ad alimentare il mercato nero dei ricambi d'auto grazie ad autodemolizioni compiacenti.


Sempre nella giornata di ieri personale della Polizia di Stato ha rinvenuto e sequestrato nel centro di Canosa di Puglia un'auto rubata da utilizzare verosimilmente per compiere rapine.

All'interno dell'auto, in effetti, sono stati rinvenuti i chiodi a tre punte di solito lanciati sulla strada dai malviventi per guadagnarsi la fuga in caso di inseguimento con le forze di polizia.

La Polizia di Stato d'intesta con l'Autorità giudiziaria sta svolgendo mirati accertamenti investigativi per risalire agli autori dei furti.
vlcsnap h m svlcsnap h m svlcsnap h m s
  • Auto incendiate
Altri contenuti a tema
Utilitaria avvolta dalle fiamme nella notte a San Ferdinando Utilitaria avvolta dalle fiamme nella notte a San Ferdinando All'1, sul posto Pompieri, Carabinieri e Vigilanza Fenice
Auto avvolte dalle fiamme. Cittadini nel terrore Auto avvolte dalle fiamme. Cittadini nel terrore Due in un'ora, via Galliano e via Napoli. Si segue pista dolosa
© 2001-2021 SanFerdinandoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SanferdinandoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.